Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Nostra intervista al soprano veneto che, dopo una bella carriera, oggi affermata docente di canto

Alessandra Rossi si racconta

a cura di Simone Tomei

Pubblicato il 15 Febbraio 2019

190215_Vr_00_AlessandraRossiVERONA - Piove. Il cielo plumbeo non promette nulla di buono e, nonostante questo, non voglio che l’appuntamento sia rimandato. Ecco quindi che, dopo un viaggio tra le terre di Toscana, Emilia Romagna e Veneto, entro nella città scaligera, parcheggio e solo pochi passi mi separano dalla casa del soprano Alessandra Rossi de Simone. Qui mi attende una illuminante chiacchierata che da questa estate rincorriamo. I reciproci impegni hanno reso difficile la possibilità di trovare un momento pacato ed ottimale per potervi dedicare il tempo necessario, ma la fortunata sorte ha arriso alla nostra tenacia. Dopo aver suonato il campanello, grandi saluti, abbracci sinceri, un caffè, poi… ecco il frutto di tanto desiato momento.

Dove hai incontrato la musica?
La musica e io siamo state sempre in sintonia. Fin da piccola amavo cantare e imparavo subito ciò che ascoltavo, dalle canzoni dello Zecchino d’Oro ai vari brani delle opere in disco che erano in casa. Avevo una vocina estesa e squillante, e già adolescente cantavo come solista della Corale del mio paese (Monselice, in provincia di Padova), che era molto nutrita e impegnata nei vari eventi religiosi e non. Finalmente approdai al Conservatorio, grazie a un suggerimento del direttore del coro, nonché professore di latino, il quale diede a mio padre l’idea di farmi ascoltare dalla professoressa Rognoni, stimatissima docente di canto al Conservatorio di Padova, che intuì le mie qualità e la mia buona predisposizione. Iniziai così, all’età di quattordici anni (contemporaneamente al Liceo Classico), a studiare seriamente musica: furono anni di formazione importanti.
Come e quanto ti ha cambiato lo studio del canto?
La musica mi ha dato sempre molta gioia. Anche se dovevo affrontare duri sacrifici per studiare contemporaneamente sia al Conservatorio, sia al Liceo; quando entravo al Conservatorio venivo avvolta dalle note di chi studiava violino, pianoforte o canto e mi sentivo subito nel mio elemento naturale.
Siamo al momento in cui inizia la tua carriera artistica… e poi arriva Bruno de Simone. Ce ne vuoi parlare?
L’amore per la Musica ci ha fatto conoscere e ci ha legato per tanti anni, come un filo invisibile. I miei esordi come cantante cominciarono molto presto. Non avevo ancora terminato il ciclo di studi che venni ascoltata da un direttore d’orchestra di Rovigo, il quale mi invitò a cantare come protagonista ne Il mondo della luna di Baldassare Galuppi con professionisti del calibro di Bianca Maria Casoni e Carlo Gaifa, di cui conservo un meraviglioso ricordo. Il debutto ufficiale arrivò a Spoleto nel 1980, quando vinsi il Concorso Sperimentale "A. Belli", che mi consentì di cantare Marguerite nel Faust di Charles Gounod. Fu un’esperienza bellissima e, in quell’occasione, conobbi Bruno, pure lui vincitore del concorso, che interpretava Valentin. Ci trovammo subito d’accordo e, dopo qualche anno, ci sposammo proprio a Spoleto, con una grande festa, nella quale coinvolgemmo le nostre famiglie, gli amici e alcuni giovani colleghi, i quali furono ben felici di scoprire quella deliziosa città. Il nostro testimone fu Sesto Bruscantini.

190215_Vr_01_AlessandraRossiBrunoDeSimone190215_Vr_02_AlessandraRossMarinaViottii190215_Vr_03_AlessandraRossiSimoneTomei

La tua formazione è legata anche al Maestro Bruscantini: qual è il tuo ricordo?
Conobbi Sesto Bruscantini in occasione del Concorso di Spoleto: lui era in commissione e prese  subito a benvolere sia me che Bruno. Da lì cominciammo a seguire i suoi consigli preziosi e, un po’ alla volta, divenne una costante andare una volta al mese a studiare qualche giorno con lui: tecnica, repertorio e interpretazione. Fu un’esperienza altamente costruttiva poiché in diversi anni di frequentazione, ci trasferì la sua miniera di sapienza con grande generosità, umanità, simpatia e affetto. Non potrò mai dimenticare i pomeriggi interi passati insieme a lui a studiare, rifinire e approfondire frase per frase. Bruscantini sapeva condire sempre il tutto con la sua ironia e bonomia cosicché le ore trascorrevano senza ce ne accorgessimo. A inizio carriera eravamo spesso ingaggiati per opere del '700 (di autori quali Pergolesi, Cimarosa, Jommelli, Paisiello): un repertorio che Bruscantini amava molto e di cui conosceva i più sottili e reconditi aspetti. Ricordo quando Bruno fu chiamato dal Teatro di San Carlo per un ruolo buffo molto particolare in napoletano antico (Leporello/Pulcinella in un Don Giovanni di Giacomo Tritto) e lo preparò con il Maestro: fu un autentico divertimento la ricerca della voce adatta per caratterizzare colori e sfumature. Naturalmente il talento di Bruno si prestava perfettamente al personaggio e il successo fu memorabile. Ma abbiamo tanti altri ricordi davvero straordinari, che spesso ripercorriamo insieme. In particolare, abbiamo modo di approfondire tutti gli aspetti nel campo della tecnica vocale, dalla respirazione alla posizione in “maschera” del suono, dall’equilibrio delle vocali alla cura dell’estensione. A Bruscantini stava molto a cuore il tema della tecnica vocale, che aveva analizzato e approfondito con il collega e amico Alfredo Kraus, altro gigante dell’interpretazione lirica nonché allievo della celebre Maestra Mercedes Llopart. Posso quindi ritenermi fortunata per aver goduto di un insegnamento che tramandava la sapienza e la bellezza della Scuola antica: un patrimonio che si rischia di perdere in questi ultimi tempi, davvero bui per la storia del teatro in musica.
E, dopo un periodo di fortunata carriera, hai deciso di dedicarti all’insegnamento della disciplina del canto: una scelta che si è rivelata vincente e foriera di soddisfazioni...
Procedendo nel mio excursus professionale, mi ritrovai ben presto a cantare nei principali teatri italiani: la Scala, il Teatro dell’Opera di Roma, il San Carlo di Napoli, il Maggio Musicale Fiorentino e molti altri. Il repertorio variava dal Barocco al Settecento inoltrato, fino a Rossini e Donizetti. Spesso mi ritrovavo in cast di prestigio e, tra i miei colleghi, quella che ricordo con più affetto è la cara Daniela Dessì, alla cui prematura scomparsa ancora non riusciamo a rassegnarci. Da giovanissime, avevamo trascorso insieme anche delle esperienze di studio in alcune Masterclass sul repertorio da camera con il Maestro Giorgio Favaretto, presso l’Accademia Nazionale di Santa Cecilia a Roma. La Dessì era un’artista meravigliosa e un’amica straordinaria, entusiasta e amante della sua professione, anche se negli ultimi tempi mi raccontava che solo l’amore per il canto la teneva in un ambiente che non riconosceva più.
Da tutte queste esperienze avevo accumulato un notevole bagaglio di conoscenze relative allo studio della vocalità, che poi, negli anni in cui cominciai a dedicarmi alla didattica, mi furono preziose. Proprio la didattica è stata sempre una mia grande passione e forse ho avuto anche il dono di sapermi esprimere in maniera chiara e comprensibile, oltre a quello di una spontanea pazienza nel seguire e guidare gli allievi in uno studio certo non facile. Si parla di impostare una voce lirica: un argomento impalpabile, fatto di sensazioni fisiche e orecchio musicale, dove in primis è importante fare un corretto esempio esecutivo. Mantenere la voce sempre allenata ed in forma è, di conseguenza, indispensabile per un bravo docente. Nelle varie giornate di studio passate con il Maestro Bruscantini, anche ad ascoltare le lezioni di altri, lui spesso diceva «Come ti pare, Sandrina?» (così mi chiamava affettuosamente), coinvolgendomi in un’analisi che mi chiariva, di volta in volta, come distinguere un percorso corretto da uno non giusto.
Dopo ventidue anni di attività come soprano solista, ho iniziato parallelamente la carriera didattica, prima in Conservatorio, poi, pian piano, privatamente o presso Istituti di Alto Perfezionamento (come l’HEMU, Alta Scuola di Musica di Losanna), dove ho avuto di recente il privilegio di tenere un corso intitolato “Atelier Belcanto”. L’attività didattica mi ha assorbito completamente e mi sono costruita una cerchia di allievi selezionati, italiani e stranieri, che con talento, volontà e spirito di sacrificio si affacciano a questo mondo artistico. E le tante gratificanti soddisfazioni avute sinora mi inducono a proseguire con dedizione ed entusiasmo sempre maggiori.

190215_Vr_04_AlessandraRossi_GiulioCesareCleopatra 190215_Vr_05_AlessandraRossi_DonGiovanniDonnaAnna
190215_Vr_06_AlessandraRossi_NozzeDiFigaroContessa 190215_Vr_07_AlessandraRossi_FraDiavoloZerlina

Qual è il tuo concetto di canto e tecnica vocale? E, soprattutto, da dove si parte per lo studio del canto?
Potrei esprimere un parere sulla relazione che c’è tra Canto e Tecnica vocale. Spesso assistiamo a fenomeni di voci naturali, ricche di armonici e facili nell’emissione, ma senza una conoscenza, ad esempio, dell’appoggio sul fiato. Difficilmente questo dono di natura durerà a lungo: la propensione al canto deve essere approfondita e guidata con sapienza, sia per non sciupare tale dote, sia per mantenere in salute una professione artistica. Con questo voglio dire che, come in qualsiasi arte, non si può prescindere dalla tecnica. Non si può allenare una parte del nostro corpo senza un’adeguata conoscenza scientifica delle possibilità fisiologiche e dei pericoli in cui si può incorrere. Poi, ovviamente, c’è il lato più creativo e squisitamente musicale: l’approfondimento del repertorio adeguato ad ogni cantante (unito alla conoscenza della sua personalità e del suo temperamento artistico) non è certo un aspetto secondario.
Nel tuo approccio con un allievo o un'allieva,  quale “strategia” segui?
Con i miei allievi instauro rapporti di rispetto, educazione, comprensione, sintonia; e anche di amicizia. Ma nel contempo sono abbastanza esigente nel richiedere serietà ed impegno, dato che studiare canto non è stato prescritto dal dottore.
Raccontaci qualche aneddoto della tua vita da insegnante da annoverare nell’Olimpo dei ricordi.
Tra gli episodi più belli nella mia carriera di docente, mi fa piacere menzionare un incontro speciale, avvenuto circa un anno e mezzo fa mentre ero a Ginevra, dove mio marito Bruno de Simone era impegnato in un originalissimo Barbiere di Siviglia di Rossini. Una ragazza sorridente si avvicina dicendomi: «Ti ricordi di me?». Era un giovane mezzosoprano, impegnata come cover di Rosina, che io avevo conosciuto da bambina, essendo la figlia di un noto direttore d’orchestra scomparso circa quindici anni fa. Lui era un nostro caro amico (insieme alla sua splendida famiglia), con cui avevamo molte volte lavorato e passato bellissime esperienze insieme. Ebbene, l’ho riconosciuta subito ed è stata una grande gioia ritrovarla in palcoscenico come artista. Subito mi ha chiesto di studiare un po’ insieme e la sintonia che si è creata tra noi è stata stupenda: ha una voce meravigliosa e insieme abbiamo approfondito aspetti di tecnica vocale molto importanti per il repertorio belcantista in cui si sta affermando. Lei si chiama Marina Viotti ed è già molto apprezzata sul panorama internazionale… ma non credo siano solo coincidenze.
E penso poi a tanti bravi allievi, ottimi elementi che avevano preso strade sbagliate e che io con pazienza ho recuperato e risanato. Oggi sono già avviati in ottime carriere e sempre, o quasi, mi dimostrano riconoscenza e fiducia totale. Ne sono davvero molto orgogliosa. Credo che la meravigliosa cultura musicale che abbiamo ereditato non andrà perduta finché ci saranno bravi giovani di talento, pieni di passione ed entusiasmo.
Prima parlavamo di Bruno de Simone. Cosa vuol dire condividere la vita con un musicista che, oltre ad essere uno dei bassi buffi più accreditati al mondo, è anch’egli un ottimo insegnante. Mi devo immaginare serate a parlare di musica e tecnica vocale oppure il tutto naviga come una nave con il mare in bonaccia?
Chiaramente la Musica è stata ed è sempre presente nella nostra vita, ma (pur provenendo dalla stessa scuola e avendo una concezione del canto e della vocalità praticamente identica) viene colta con sensibilità diverse.  Abbiamo studiato insieme, approfondito e anche discusso costruttivamente innumerevoli volte.
Come tu asserisci, anche Bruno è un ottimo docente, compatibilmente con i suoi impegni artistici, ancora numerosi dopo trentanove anni di carriera. Lui predilige approfondire tematiche interpretative, studio del testo e cura del personaggio, mentre io mi sono occupata prevalentemente di tecnica e impostazione, individuazione del repertorio e dello stile adeguato. Siamo complementari e al tempo stesso autonomi. Detto questo, in tanti anni di vita insieme (fatti di esperienze teatrali e musicali), molti sono stati i momenti di sacrificio e le delusioni, ma anche di puro divertimento e grandi soddisfazioni… insomma non ci siamo mai annoiati e questo è l’aspetto più importante.
Ti parlo in veste di critico musicale: spesso noto qualche stridore sui palcoscenici da un punto di vista vocale. Cosa pensi tu delle scelte dei teatri italiani di oggi?
Si riscontra spesso un’inadeguata attenzione all’impiego dei giovani interpreti che talvolta sono esposti prematuramente a sostenere ruoli per cui non sono ancora adatti, con evidenti rischi. Oppure, al contrario, vedo giovani artisti di talento soffrire in zona di parcheggio, a vantaggio di mediocri interpreti che hanno più possibilità di esibirsi, con effetti certo poco entusiasmanti.
E all’estero? Ci sono differenze?
Girando nei vari Teatri europei ho riscontrato spesso la presenza di giovani artisti, di grandi e medie qualità, con responsabilità anche di direzione d’orchestra o messa in scena, e non faccio nomi per non fare torti, ma le scelte sono molto più attente e meno clientelari.
Visto che mi tocca personalmente, cosa ne pensi tu del modo della critica musicale, ora che non ti riguarda da vicino come artista?
A volte è davvero interessante leggere un articolo di critica colto e obiettivo che, rispettando la cronaca, dia anche giudizi che possano ampliare i punti di vista, oltre a stimolare giuste considerazioni e riflessioni interessanti. Purtroppo non sempre è così. Credo che le forze culturali competenti dovrebbero unirsi per stimolare una maggior attenzione da parte di amministratori e  politici per far sì che emergano le migliori risorse ed energie. Invece assistiamo spesso a un lassismo generale, che intorpidisce e annulla la capacità di reazione. Anche il pubblico talvolta si sorbisce certi spettacoli malfatti, scadenti, come se non si potesse proporre di meglio: assurdo. E in questo anche i critici giocano un ruolo chiave, potendo puntare i riflettori su ciò che è bello e interessante, ma anche su ciò che andrebbe cambiato a partire dai criteri di scelta di alcune direzioni artistiche.
Non solo canto e non solo musica… ho avuto il piacere di sperimentare più volte la tua ottima cucina. Visto che ti diletti con pentole e padelle, parlaci di questo aspetto molto “gustoso” della tua vita.

È vero, l’altra attività che mi affascina è l'arte della cucina: niente è più divertente e stimolante che preparare una cena per gli amici, inventando, sperimentando e creando delizie per il palato. Mi onoro di far parte del Club Il Fornello d’Italia, un’associazione culturale che si occupa di fare cucina di ricerca tra antiche tradizioni e attualità e che si trova in quasi tutte le città d’Italia. Siamo amiche e ci riuniamo periodicamente per esprimere con sapienza la nostra passione gastronomica. Tra i musicisti poi, si sa, ci sono stati grandi gourmet. Basta pensare Gioachino Rossini, fulgido esempio di genialità musicale e di passione per la buona cucina. Tra le sue frasi più note, una mi è rimasta impressa: “Quant’è spossante la celebrità! Beati i pizzicagnoli!” D’altronde, non per farci complimenti reciproci, ma anche tu sei uno chef di tutto rispetto!

190215_Vr_08_AlessandraRosssi_AllieviScuolaDiLausanne_facebook

Ebbene sì, anch’io mi diletto con i fornelli, ma oggi, uggiosa giornata di gennaio, dopo la nostra piacevole chiacchierata “mi toccherà” sedermi a tavola con Alessandra e Bruno ed assaporare alcune gustose specialità veronesi  frutto dell’amore per il cibo della mia “ospite sulla carta”.
È sempre un piacere dialogare con Alessandra Rossi de Simone perché ogni sua parola ha il gusto della misura e, nel raccontare le sue esperienze di docenza, trasmette grande serenità e, al contempo, un sentimento di crescita intellettuale. Tante altre cose sono emerse nel corso della conversazione, ma questa è un’altra storia che rimarrà nei rispettivi ricordi.

Crediti fotografici: Archivio personale dell'Artista e foto di Simone Tomei
Nella miniatura in alto: il soprano Alessandra Rossi de Simone
Sotto, in sequenza: la Rossi con il marito Bruno de Simone, con la sua allieva Marina Viotti e con il nostro critico musicale Simone Tomei
Al centro, in sequenza, quattro personaggi della Rossi: Cleopatra nel "Giulio Cesare" di Händel; Donna Anna in "Il Convitato di Pietra" di Tritto; la Contessa in "Le nozze di Figaro" di Mozart; Zerlina in "Fra' Diavolo" di Auber
In fondo: Alessandra Rossi con alcuni degli allievi della Scuola di Lausanne HEMU e il M° Todd Camburn, responsabile del dipartimento di Canto






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Nabucco scannato dal pubblico
intervento di Simone Tomei FREE

190930_Pr_00_Nabucco_AmartuvshinEnkhbat_phRobertoRicciPARMA - E se la provocazione stesse diventando un modus operandi perpetuo nel melodramma? Ce la troviamo ormai sbattuta sul palcoscenico in ogni dove… nessun Festival o quasi si fa mancare un allestimento che faccia discutere i chiacchieroni ed i petulanti, arrabbiare i melomani incalliti o portare all’orgasmo i più avveniristici (spesso con la puzza sotto al naso per darsi arie da intellettuali 3.0).
I rischi che corre la direzione di un Teatro in questi casi sono noti, anche se è importante sottolineare che spesso la provocazione nell’opera può essere il risultato della genialità di un regista che con un linguaggio aulico (seppur denso di attualità) qual è quello del melodramma riesce a plasmare la contemporaneità in maniera magistrale, regalando serate di altissimo livello e di  gaudente soddisfazione per l’animo.
Tutto questo non è assolutamente successo al Festival Verdi di Parma che, rispetto a
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Centro-Nord
Tosca nella Roma lugubre
servizio di Athos Tromboni FREE

191019_Lu_00_Tosca_DariaMasiero_phAndeaSimiLUCCA - Teatro del Giglio gremito per il debutto della stagione lirica 2019/20 con la Tosca di Giacomo Puccini. Dopo i saluti dell'amministratore unico, Giovanni Del Carlo, e del sindaco, Alessandro Tambellini, il nuovo allestimento coprodotto con il Teatro di Pisa e con il Goldoni di Livorno ha svelato quel che il regista, scenografo e costumista Ivan Stefanutti
...prosegui la lettura

Classica
Terza e Quinta di Beethoven da Savall
servizio di Athos Tromboni FREE

191017_Fe_00_LeConcertDesNationsJordiSavallFERRARA – Teatro Comunale Abbado gremito per la serata dedicata interamente a Beethoven; erano di scena Jordi Savall (passato per l'occasione dalla viola da gamba alla bacchetta) e la sua orchestra, Les Concert des Nations, impegnati nell’esecuzione della Sinfonia n.3 in Mi bemolle maggiore op.55 "Eroica" e della Sinfonia n.5 in Do minore op.67 e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
L'empio punito veste heavy metal
servizio di Simone Tomei FREE

191013_Pi_00_LEmpioPunito_RaffaelePe_phImaginariumCreativeStudioPISA - Ri-conoscere, o conoscere? Replicare una formula collaudata oppure osare per fare cultura? Sfidare la via ignota o viaggiare per la strada maestra? Offrire al pubblico ciò che desidera o quello che non sa di desiderare? Queste sono alcune delle questioni che ho affrontato con il M° Stefano Vizioli (direttore artistico della stagione lirica del Teatro
...prosegui la lettura

Prosa
Madre Courage nella congiuntura internazionale
servizio di Athos Tromboni FREE

191011_Fe_00_MadreCourage_MariaPaiatoFERRARA - Chi ha paura di Madre Coraggio? Dipende dalla congiuntura internazionale. Ad esempio negli anni intorno al 1969 vederla in scena a Ferrara suscitava nei pacifisti locali una reazione indignata che riconduceva tutto e tutti alla protesta contro la guerra americana nel Vietnam. Prima ancora di quegli anni, probabilmente l'assioma era fra la
...prosegui la lettura

Personaggi
Marina il canto e la laurea (nel cassetto)
intervista di Simone Tomei FREE

191011_Fi_00_MarinaComparatoFIRENZE - Manca poco affinché per la terza volta il mezzosoprano Marina Comparato interpreti il ruolo di Carmen nell’omonima composizione di George Bizet al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino. Un personaggio che le è congeniale. L’occasione fa il ladro… ed ecco che ho “rubato” dallo scrigno della sua vita qualche sfaccettatura non solo dell’artista, ma anche della donna.
...prosegui la lettura

Personaggi
Vladimir Stoyanov si racconta
intervista di Simone Tomei e Angela Bosetto FREE

191005_00_VladimirStoyanovPARMA - Da tempo avevo manifestato il desiderio di incontrare Vladimir Stoyanov e galeotto è stato il Festival Verdi 2019 a Parma, dove il baritono bulgaro è impegnato come Francesco Foscari ne I due Foscari (qui la recensione della “prima”). Assieme alla mia amica e collega Angela Bosetto, ho confezionato per voi questo “racconto” dell’artista, uomo, padre,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Luisa Miller nella chiesa-carcere
servizio di Simone Tomei FREE

190929_Pr_00_LuisMiller_FrancescaDotto_phRobertoRiccciPARMA - L’opera Luisa Miller di Giuseppe Verdi è sostanzialmente la storia, di un amore, di un ricatto, di un inganno e di un sacrificio; nulla più e nulla meno che la sintesi (almeno in parte) della vita dell’uomo. E come l’esistenza umana è una celebrazione dell’essere, la drammaturgia parmense del titolo verdiano è stata interpretata dal regista Lev
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Aidina dal successo replicante
servizio di Athos Tromboni FREE

190928_Busseto_00_Aida_MariaTeresaLeva_phRobertoRicciBUSSETO (PR) -  Il Teatro Verdi è un teatro piccolo piccolo e l’Aida è un’operona grande grande. Ebbene è dal 2001 – anno centenario della morte di Giuseppe Verdi – che l’operona grande grande dentro il teatro piccolo piccolo fa parlare di sé. Fu progettata da Franco Zeffirelli per quell’anno centenario e nel tempo ha girato sui palcoscenici non solo italiani,
...prosegui la lettura

Prosa
Io, Brignano, un'ora sola Vi Vorrei
servizio di Edoardo Farina FREE

190710_Cervia_00_EnricoBrignanoCERVIA (RA) - Organizzato dall’Associazione Pulp Live Concerti, l’ultima data estiva del 7 settembre 2019 ha visto in scena Enrico Brignano presso la centrale Piazza Garibaldi di Cervia nel ravennate, registrando già molti giorni prima un sold out pari a migliaia di presenze confermate. Sulla scena teatrale da diversi anni, ormai annoverato tra gli artisti più
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
La nuova stagione del Jazz Club
servizio di Athos Tromboni FREE

190923_Fe_00_JazzClub_EnricoRava_phRobertoCifarelliFERRARA – Conferenza-fiume per presentare la prima parte del cartellone Ferrara in Jazz 2019-2020, nella nutrita programmazione che va dal prossimo 4 ottobre a fine dicembre. Hanno preso parte alla conferenza stampa, oltre all’assesore alla cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli, anche il neo presidente del Jazz Club, Federico D’Anneo,
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Noi, Due, Quattro... e Pagliacci
servizio di Mario Del Fante FREE

190918_Fi_00_Pagliacci_FrancescoDevidCecconi_phMicheleMonastaFIRENZE - E’ andato in scena al teatro del Maggio Musicale Fiorentino il dittico  Noi,Due,Quattro… di Riccardo Panfili su libretto di Elisa Fuksas in prima esecuzione assoluta, e Pagliacci - capolavoro di  Ruggero Leoncavallo. Le due opere si basano sulla gelosia distante anni luce l’una dall’altra, una basata su internet e l’altra che affonda le radici su un fatto realmente
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Questa Traviata vincente
servizio di Salvatore Aiello FREE

190918_Pa_00_Traviata_RuthIniesta_phRosellinaGarboPALERMO - Dopo la pausa estiva il Teatro Massimo ha ripreso la sua attività con La traviata di Giuseppe Verdi, opera plebiscitariamente amata dal pubblico e di sicuro richiamo; tutto esaurito, infatti. per un’edizione già collaudata nella Stagione 2017, con la regia di Mario Pontigia ripresa da Angelica Dettori, nata sotto buoni auspici. Una produzione del Teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Noi due no, Pagliacci s
servizio di Simone Tomei FREE

190915_Fi_00_NoiDueQuattro_ValerioGalli_phMicheleMonastaFIRENZE - Con il mese di settembre riprende l’attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino, dopo un’estate piuttosto densa di tensioni. Ma non tratterò qui questo argomento, già ampiamente affrontato dai quotidiani locali e dal web. Parlerò, invece, della serata inaugurale del 13 Settembre 2019 che vede l’esecuzione del dittico Noi, due, quattro…
...prosegui la lettura

Eventi
Al Teatro Bonci Bye Bye '900?
redatto da Edoardo Farina FREE

190914_Cesena_00_StagioneTeatroBonci_ClaudioLonghiCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci“ in data 11 settembre 2019, dove è stata annunciata la programmazione  della  stagione invernale 2019/2020 caratterizzata da un ampia scelta intesa come luogo di confronto, esplorazione e dialogo, ovvero filtro e racconto del nostro vivere, offrendo ancora una volta una visione il più possibile ampia
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Arena Festival 2019 i risultati
servizio di Athos Tromboni FREE

190911_Vr_00_ArenaConsuntivo_FedricoSboarinaVERONA – E così il Festival 2019 della Fondazione Arena va in archivio con una serie di record, illustrati oggi dal sindaco Federico Sboarina, dalla sovrintendente e direttore artistico Cecilia Gasdia e dal direttore generale della Fondazione, Gianfranco De Cesaris, nella tradizionale conferenza stampa di consuntivo. Al tavolo dei relatori erano presenti anche
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Il Premio Caruso 2019 alla Devia
FREE

190910_Lastra_00_PremioCaruso2019_MariellaDevia.JPGLASTRA A SIGNA (FI) - Sabato 7 settembre 2019, nello scenario  di Villa Bellosguardo sede del Museo Enrico Caruso, sulle magnifiche colline di Lastra a Signa, si è svolta la cerimonia di consegna del prestigioso premio che fin dal 1979 viene assegnato ai grandi interpreti del teatro d’opera. Il primo insignito fu il grande tenore Galliano Masini e poi
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arena ultime quattro recite
servizio di Simone Tomei FREE

190909_Vr_00_Ultime4Recite_CarmenTraviataToscaAida_FotoEnneviVERONA - Ebbene sì, anche il Festival Arena di Verona 2019 giunge al termine e la mia ennesima salita estiva nella città scaligera ha avuto come obiettivo quello di seguire le ultime quattro recite della stagione, con alcune interessanti novità per quello che riguarda gli interpreti che si sono succeduti sul palcoscenico.


...prosegui la lettura

Eventi
Teatro Duse la stagione 2019/2020
redatto da Edoardo Farina FREE

190909_Bo_00_TeatroDuse_WalterMramorBOLOGNA - La conferenza stampa del 5 settembre riguardante la presentazione della nuova Stagione invernale 2019/2020 del Teatro Duse di Bologna alla presenza tra gli altri del direttore organizzativo Gabriele Scrima e Rossella Fino proveniente dal dipartimento Cultura e Promozione della città del Comune di Bologna, ha voluto prevalentemente porre in
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Falstaff versione commedia dell'arte
servizio di Athos Tromboni FREE

190908_Cento_00_Falstaff_CostantinoFinucciCENTO (FE) – Il Falstaff  di Giuseppe Verdi proposto nel cartellone di “Cento – Opera in festa” e allestito dell’Accademia del Bel Canto e dalla Pro Loco di Renazzo, con il patrocinio del Teatro Borgatti, avrebbe avuto come palcoscenico e scenografia naturale il suggestivo parco di Villa Chiarelli. Ma venerdì 6 settembre 2019 il meteo ha fatto decidere diversamente
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
Successo per La Dori
servizio di Simone Tomei FREE

190905_Innsbruck_00_LaDori_FrancescaAsciotiINNSBRUCK - "Pietro Antonio Cesti (1623-1669): La Schiava Fortunata ó vero La Dori. Dramma musicale in tre atti su libretto di Giovanni Filippo Apolloni. Prima rappresentazione: Innsbruck, Hoftheater, 1657."
Così si presenta questo lavoro barocco che, a distanza di oltre trecentocinquant'anni, torna "a casa" (al Tiroler Landestheater nel
...prosegui la lettura

Soci Uncalm
Finta giardiniera opera vera
servizio di Athos Tromboni FREE

190903_Ro_00_FintaGiardiniera_PabloMaritanoROVIGO - Avrebbe dovuto essere il "saggio finale" di una masterclass sulla vocalità mozartiana, La finta giardiniera, ma lo spettacolo realizzato dal regista Pablo Maritano, con la preparazione vocale curata dal tenore e docente di canto Fernando Cordeiro Opa realizzato nel Ridotto del Teatro Sociale domenica 1 settembre 2019, si è proposto al numeroso
...prosegui la lettura

Personaggi
Il Castello di Vicenza in Lirica
intervista di Simone Tomei FREE

190828_Vr_00_VicenzaInLirica-AndreaCastello.JPGVERONA - In una calda sera veronese, al termine dei Carmina Burana di Carl Orff, ho incontrato Andrea Castello, dal 2013 direttore artistico di Vicenza in Lirica: un Festival che è divenuto un punto di riferimento nel panorama musicale per i grandi artisti che vi intervengono, i titoli proposti e la location unica, ossia l’Olimpico di Vicenza, il teatro coperto più
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Viaggio a Reims passando per l'Accademia
servizio di Simone Tomei FREE

190821_Ps_00_ViaggioAReims_GiulianaGianfaldoniPESARO - Era il 1984 quando fu riscoperta quest'opera, allestita in una delle edizioni primordiali del ROF, dunque ben 35 anni fa; e in questo ROF 2019 che vede scoccare i suoi primi quarant'anni (ecco perchè l'apposizione XL) la riproposizione di Il viaggio a Reims assume una valenza ancor più pregnante. Non ci sono grandi novità registico-sceniche e ciò
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Traviata e Aida ulteriori cronache
servizio di Nicola Barsanti FREE

190820_00_Traviata_Aida_VitoLombardi_FotoEnneviVERONA – Una serie di fortunate circostanze, nonché di squisiti incontri, ha reso possibile la mia presenza al 97° Festival Lirico dell’Arena per assistere a varie rappresentazioni e iniziare a mia volta la collaborazione con Gli Amici della Musica.Net come critico musicale. Prima di addentrarmi nei dettagli delle recite, è d’uopo ringraziare il critico musicale e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Un Equivoco di brio e allegria
servizio di Simone Tomei FREE

190820_Ps_00_EquivocoStravagante_TeresaIervolinoPESARO - Non si può certo dire che il libretto di L’equivoco stravagante di Gioachino Rossini sia un testo adatto per un'educazione montessoriana; credo per che sia un momento di forbito teatro per nulla volgare (se non nelle allusioni) ricamato nel testo dal fine e sagace estro del librettista Gaetano Gasbarri.  Nell'interessante disamina linguistica sul libretto
...prosegui la lettura

Vocale
Brillano le stella Molinari e Pratt
servizio di Simone Tomei FREE

190820_00_ConcertoMolinariPratt_CarloTenanPESARO - Nel bel mezzo del XL ROF 2019 lunedì 19 agosto si è tenuto al Teatro Rossini di Pesaro uno dei concerti programmati del Festival che ha visto protagoniste due autorevoli voci del belcanto rossiniano: Jessica Pratt e Cecilia Molinari (in verità quest'ultima ha sostituito in corner la prevista Varduhi Abrahayam impegnata nel cast di Semiramide)
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Demetrio e Polibio e il proprio doppio
servizio di Simone Tomei FREE

190819_Ps_00_DemetrioEPolibio_JessicaPrattPESARO - E' molto particolare la genesi compositiva del Demetrio e Polibio di Gioachino Rossini rappresentando un caso piuttosto singolare nella storia del Teatro d'opera italiano; il lavoro fu commissionato da Domenico Mombelli (compositore e tenore) a pro della sua scuderia di cantanti composta dalle due figlie (Ester ed Anna), dal maggiordomo di casa
...prosegui la lettura

Vocale
Carmina apoteosi di musica e luci
servizio di Simone Tomei FREE

190812_Vr_00_CarminBurana_EzioBosso_FotoEnneviVERONA - Siamo all'undici agosto 2019 nel pieno del Festival areniano e da tempo memorabile attendo questa serata in cui Orchestra e Coro della Fondazione Arena di Verona daranno vita assieme ai solisti Ruth Iniesta, Raffaele Pe e Mario Cassi alla cantata scenica dei Carmina Burana di Carl Orff diretti dal M° Ezio Bosso.
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Noa scrive lettere a Bach
servizio di Attilia Tartagni FREE

190813_Cesenatico_00_NoaCESENATICO - E’ stato un successo annunciato “Letters To Bach”, spettacolo del 19° Festival dell’Emilia Romagna Festival il 9 agosto2019  a Cesenatico al Teatro all’aperto Largo Capuccini completamente esaurito, protagonista Achinoam Nini, in arte Noa con Gil Dor alla chitarra, Or Lubianiker al basso elettrico e Gadi Seri alle percussioni. La cantante
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Ecuba, amor filiale amor di patria
servizio di Valentina Anzani FREE

190812_MartinaFranca_00_Ecuba_SestoQuatriniMARTINA FRANCA (TA), 4 agosto 2019 – L’Ecuba di Nicola Antonio Manfroce è, al fianco di Orfeo di Porpora, tra le primizie del 45° Festival della Valle d’Itria: composta nel 1812, è stata ivi eseguita per la prima volta in tempi moderni. Opera risalente al periodo napoleonico, riflette i gusti di importazione francese sia nel soggetto, sia nella forma,
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
La Tosca al debutto stagionale
servizio di Simone Tomei FREE

190811_Vr_00_Tosca_SaioaHernandez_FotoEnneviVERONA - Ecco che, con l'avvento della Tosca di Giacomo Puccini sul palcoscenico areniano la sera del 10 agosto, tutto il "palinsesto" operistico del Festival estivo 2019 ha avuto il proprio completamento (manca ancora all'appello la serata concertistica con i Carmina Burana di Carl Orff in programma la sera successiva di cui daremo conto in un altro servizio).
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Matrimonio per burla e per amore
servizio di Valentina Anzani FREE

190804_MartinaFranca_00_MatrimonioSegretoMARTINA FRANCA (TA), 3 agosto 2019 – Il principale titolo buffo del 45° Festival della Valle d’Itria è stato Il matrimonio segreto di Domenico Cimarosa, spettacolo con regia, scene e costumi di Pierluigi Pizzi, che è risultato molto divertente per il concorso di tutti gli interpreti, molto apprezzati sia sul piano vocale sia sul piano attoriale.
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Placido Domingo fa 50
servizio di Simone Tomei FREE

190811_Vr_00_GalaPlacidoDomingo50_FotoEnneviVERONA - Un'Arena gremita da quasi quindicimila spettatori per lui: l'artista, il tenore, il baritono, il direttore d'orchestra, ma fondamentalmente l'Uomo, ossia Plácido Domingo. Era il lontano luglio 1969 quando, mentre il primo essere umano metteva piede sulla Luna, l'Uomo debuttava sul palcoscenico dell'anfiteatro scaligero nel ruolo di Calaf della
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il Radames di Simoncini
servizio di Simone Tomei FREE

190810Vr_00_Aida_SamueleSimoncini_FotoEnneviVERONA - Ho anticipato la mia partenza di un giorno per Verona in quanto avevo il piacere di ascoltare l'esordio nell'anfiteatro scaligero del tenore senese Samuele Simoncini nel ruolo di Radames; in passato ci siamo inseguiti nei vari teatri, ma non avevo ancora avuto il piacere di ascoltarlo per intero in un ruolo operistico. Ecco che questo evento
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
A Martina Franca rivive l'Orfeo
servizio di Valentina Anzani FREE

190810_MartinaFranca_00_Orfeo_RaffaelePe_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 2 agosto 2019 – Per la creazione di un pasticcio, nel Settecento, il compositore che si occupava dell’allestimento, o i cantanti stessi del cast, selezionavano arie tratte da più opere. I criteri di scelta comprendevano la loro fama e quanto esaltassero le qualità vocali di chi avrebbe dovute eseguirle. Non stupisce se il risultato,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Spasso nelle masserie d'Itria
servizio di Valentina Anzani FREE

190810_MartinaFranca_00_OpereInMasseria_LaviniaBini_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 1° agosto 2019 – Dall’anno passato il Festival della Valle d’Itria affianca alle tradizionali produzioni operistiche a Palazzo Ducale una proposta che unisce la valorizzazione del territorio pugliese a una formula di spettacolo particolarmente interessante. Cinque masserie hanno ospitato altrettante recite dei due intermezzi
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
L'inizio agosto di Traviata Carmen Aida
servizio di Simone Tomei FREE

190808_Vr_00_Traviata___FotoEnneviVERONA - La canicola di fine luglio sembra aver lasciato posto a un clima più mite che mi permette di affrontare senza afe soffocanti altre tre serate musicali (piuttosto affollate) all'Arena di Verona per darvi conto dei cast alternativi del Festival 2019: tutti i cast alternativi sono stati accolti dal pubblico in modo complessivamente positivo.
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Dalla canzone... al Jazz
servizio di Attilia Tartagni FREE

190306_Alfonsine_00_EmiliaZamunerALFONSINE (RA) - “La vita è l’arte dell’incontro” ha detto Massimo Moriconi, storico bassista di Mina che dal 1983 è presente in tutte le produzioni della "Tigre di Cremona", prima di intraprendere il concerto di lunedì 5 agosto 2019 nel Giardino della Biblioteca Comunale di Alfonsine. Lo è certamente per i musicisti per cui venire a contatto con
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Callas alla Kabaivanska
servizio di Angela Bosetto e Simone Tomei FREE

190805_Vr_00_PremioCallas_RainaKabaivanska_ph000VERONA - Sulle note malinconiche del Preludio della Traviata, le immagini dell’omonimo film operistico di Franco Zeffirelli si mescolano alle foto del maestro fiorentino e di Maria Callas. Inizia così il 2 agosto 2019, nell’elegante cornice dell’Arena Casarini dell’Hotel Due Torri (che deve il proprio nome ai suggestivi affreschi del pittore veronese Pino Casarini), la
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Cos ti insegno le Nozze
servizio di Attilia Tartagni FREE

190803_Ra_00_ItalianOperaAcademy_RiccardoMutiRAVENNA - Anche quest’anno, il quinto dell’Italian Opera Academy creata dal M° Riccardo Muti per formare giovani musicisti alla direzione d’orchestra e all’accompagnamento al pianoforte dei cantanti, due concerti al Teatro Alighieri hanno coronato due settimane di intenso lavoro mattutino e pomeridiano nel teatro di tradizione popolato di giovani
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Un Elisir connesso ai tempi
servizio di Cristina Chiaffoni FREE

190804_Pd_00_ElisirDAmore_JessicaNuccio_phGiulianoGhiraldiniPADOVA - L’ambientazione scelta da Padova Teatro Stabile rappresentata artisticamente dal geniale uomo di teatro e direttore artistico Federico Faggion è altamente suggestiva e ricca di memorie. Il castello dei Carraresi in Piazza Castello, divenuto poi carcere e le celle sono ben visibili, illuminate di rosa e d’azzurro quasi per temperare l’angoscia sottile che
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Arena, le repliche di luglio
servizio di Simone Tomei FREE

190731_Vr_00_Carmen_GeraldineChauvet_FotoEnneviVERONA - Come è consuetudine da diversi anni la frequentazione veronese mi porta a seguire con interesse l’avvicendarsi dei cast nei titoli in cartellone del Festival areniano. Stavolta la prima incursione in terra scaligera mi vede spettatore di alcune serate di fine luglio.

Carmen – 23 luglio 2019
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Il Duo Gnot in Sant'Andrea
servizio di Gianluca La Villa FREE

190731_Levanto_00_AlessandraGenotLEVANTO (SP) - 30 luglio 2019, ore 21,30 Chiesa di Sant'Andrea - Nell’ambito dei concerti classici proposti con dovizia ogni anno dalla rassegna concertistica di Levanto diretta dal maestro Aldo Viviani si è tenuto un interessante e originale concerto del Duo Génot, Alessandra Génot al violino e Massimiliano Génot al pianoforte, imperniato
...prosegui la lettura

Eventi
Il Giglio apre con la Tosca
redatto da Simone Tomei FREE

190725_Lu_00_CartelloniLiricaProsaDanza_MarcoGuidariniLUCCA - Il 19 luglio 2019 sono stati presentati, durante la consueta conferenza stampa, al Teatro Del Giglio i cartelloni delle stagioni di lirica, prosa e danza 2019-2020. Erano presenti all'incontro: Alessandro Tambellini, sindaco del Comune di Lucca, Stefano Ragghianti, assessore alla cultura; per il Teatro del Giglio: Giovanni Del Carlo (amministratore
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Rigoletto al Luna Park
servizio di Simone Tomei FREE

190722_Mc_00_Rigoletto_AmartuvshinEnkabatMACERATA - Ancora una sera in cui il tema "Rosso Desiderio" declina verso un altro significato (ossia il desiderio di vendetta da affogare nel sangue) che trova nel Rigoletto di Giuseppe Verdi la sua più ideale collocazione, complice il famoso duetto che conclude il secondo atto Sì vendetta, tremenda vendetta. Un'altra serata di grande Teatro musicale,
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Un Macbeth da urlo
servizio di Simone Tomei FREE

190721_Mc_00_Macbeth_RobertoFrontaliMACERATA - "Rosso desiderio" non è solo la passione (carnale e amorosa), ma anche la sete di potere, motivo per cui il Macbeth di Giuseppe Verdi si inserisce a pieno titolo nel filo conduttore che lega la triade delle opere proposte dal Macerata Opera Festival 2019. L'allestimento è quello che da Palermo a Torino – in coproduzione con Macerata – ha
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Carmen danza al Crazy Horse
servizio di Simone Tomei FREE

190720_Mc_00_Carmen_IreneRoberts.jpegMACERATA - Arrivando qui non si può fare a meno di notare una città festante e dipinta di Rosso Desiderio, colore che imperversa in ogni via e arreda ogni vetrina, facendo sì che in ciascun angolo se ne respirino il calore e l'essenza più intima. Un rosso intenso, un rosso che richiama il tema guida del Macerata Opera Festival 2019. La città intera si è
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310