Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Mariangela Sicilia non si arrende alla pandemia e lancia un invito a tutto il mondo dell'opera lirica

źIn scena con energia e passione╗

intervista di Ramˇn Jacques

Pubblicato il 20 Settembre 2020

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
La musica è da sempre una passione innata. Un dono. Ho scoperto l’opera lirica quando già studiavo in conservatorio il pianoforte, e me ne sono innamorata. Sostanzialmente perchè mette d’accordo quelle che già allora erano le mie grandi passioni: il canto e la recitazione.

Raccontaci in breve la storia della tua carriera professionale
Ho partecipato a molti concorsi di canto all’inizio, non arrivavo mai in finale ma sono stata notata da diversi direttori artistici. Nel frattempo continuavo a studiare e perfezionarmi in vari corsi specifici come l’accademia del Rossini Opera Festival. I miei primi ruoli importanti sono stati : Musetta nella Bohème di Puccini all’Opera di Parigi e Adina nell’ Elisir d’amore di Donizetti al teatro al teatro del Principato di Monaco; poi vinsi Operalia 2014; da lì è iniziata la mia carriera più significativa, che mi ha portato a calcare palcoscenici importanti nel mondo.

Chi o quali sono state alcune delle tue prime ispiratrici?
La prima fu Anna Moffo, con la sua linea di canto ineccepibile; poi la Renata Scotto per le sue interpretazioni da pelle d’oca e infine Daniela Dessi, con la sua voce calda e vellutata.

200920_Personaggi_03_MariangelaSicilia_phVictorSantiago 200920_Personaggi_04_MariangelaSicilia_phArtsCom

Che cosa faresti ascoltare a chi non conosce ancora la tua voce?
Le interpretazioni a cui sono particolarmente legata sono Teresa del Benvenuto Cellini, Mimi dalla Bohème e Liu dalla Turandot.

C’è un compositore che ti sta particolarmente a cuore?
Amo molti compositori per ragioni differenti : Mozart per la sua perfezione, Verdi per la verità e la pulsione delle vene, Berlioz per la sua eccentricità , ma il mio cuore batte forte per Puccini.

Mimì e Violetta sono due personaggi importanti nella tua carriera fino ad oggi. Parlaci dei ruoli che hai in repertorio e di quelli che hai in programma di affrontare
Ho iniziato come soprano lirico leggero ma negli ultimi tempi sto affrontando sempre più ruoli da lirico puro. In questo Momento sto studiando per le opere Luisa Miller e Otello, che saranno i miei prossimi debutti verdiani, ma non tralascio lo studio dei ruoli mozartiani; tra le new entry ci sono Fiordiligi di Così fan tutte e Donna Elvira del Don Giovanni.

Cosa pensi sia più importante per un cantante lirico? Voce, recitazione, musicalità?
Un cantante lirico deve avere tutte quelle doti insieme, altrimenti non si può definirlo tale. Nell’opera ci è richiesto di avere voce innanzitutto, ma anche buona tecnica, presenza scenica, recitazione e musicalità. Un artista a tutto tondo insomma.

L’opera e il teatro di regia. Ami l’opera tradizionale o quella in ambientazione moderna?
Amo il buon lavoro. Un ruolo, un'opera, è in sè uno studio antropologico non una bellezza fine a se stessa. Raccontiamo di vite passate che assomigliano spesso al presente o a parte della nostra esperienza di vita. Non si può dare solo importanza al suono. Il pubblico empatizza con i personaggi. Per questo è bello entrare in un teatro e vedere la Traviata come la vide Verdi ad esempio, perchè veniamo affascinati dal tempo passato, dai costumi d’epoca, e dalle scenografie ma è anche prezioso poter vedere la Traviata con la stessa forza di comunicazione che ha inteso dare il compositore; per questo non condanno le regie che tendono alla sovrapposizione iconografica. Entrambe sono strade percorribili. L’importante è che ci sia un pensiero chiaro e lineare.

Cosa vuol dire interpretare un ruolo per te?
Innanzitutto è studiare la partitura e affrontare tecnicamente la parte: è essenziale cogliere le minime sfumature dello spartito; poi io amo studiare il personaggio, contestualizzarlo, capire il suo operato. E’ in quel momento che la parte tecnica lascia spazio alla parte dell’interpretazione. Immedesimarsi alle azioni del personaggio, avendolo precedentemente studiato e poi lasciarsi andare come se fossi realmente tu. Tutte le volte chiedendoti “lei che farebbe?”

200920_Personaggi_01_MariangelaSicilia_Cina2019 200920_Personaggi_02_MariangelaSicilia_phLorenzoPoli

In che modo affronta un artista l'atmosfera competitiva del mondo dell'opera? Come può un artista competere con un altro artista?
Sinceramente io non mi sento di competere con nessuno; io do ciò che so fare ed ognuno di noi è prezioso e speciale, ognuno ha un modo di leggere e interpretare lo spartito. Ci sarà sempre qualcosa di meglio o di peggio; l’importante per me è pensare alla mia strada e trarre il meglio dai miei colleghi bravi.

Qual è un prezioso pezzo di saggezza che uno dei tuoi insegnanti ti ha dato?
Beh , si collega un po’ alla domanda precedente: “ne vedrai stelle cadenti, ma vedrai anche cadaveri scorrere nel fiume davanti ai tuoi piedi. Resta concentrata sul tuo cammino e migliorati sempre per raggiungere il tuo obiettivo.”

Raccontaci delle cose simpatiche che ti sono capitate in teatro
Una volta in una prova generale di un concerto ho attaccato la strofa del pezzo che dovevo cantare e sono finita involontariamente a cantare il ritornello di un’altra canzone. Io e la pianista non riuscivamo più a continuare talmente ridevamo; è stato molto difficile restare concentrate durante il concerto.

200920_Personaggi_05_MariangelaSicilia_ElisirDAmore(MC)_phTabochini

Com’è Mariangela Sicilia nella vita di tutti i giorni?
Camaleontica direi. Credo che molti dei miei conoscenti non sappiano chi sono e cosa faccia nella vita. Sono cresciuta in un ambiente familiare molto semplice. Mi piace rifugiarmi nella semplicità quando sono fuori dal palcoscenico.

Una riflessione sul mondo della lirica di oggi? 
Questa pandemia ci sta mettendo a dura prova ma io credo che dalle grandi crisi sono nati nuovi equilibri, più forti e importanti. E credo che sarà cosi anche in questo caso per il teatro e la lirica in particolare. Questa condizione sta mettendo in luce gli aspetti negativi e positivi. Credo che c’è molto da lavorare e che alla fine torneremo in scena con più energia e passione.

200920_Personaggi_06_MariangelaSicilia_Micaela_facebook_phEnneviFoto

Crediti fotografici: Ennevi Foto (Verona), Foto Tabocchini (Macerata), Arts Com, Lorenzo Poli, Victor Santiago
Nelle foto di scena: a Verona per la Michaela della Carmen di Bizet; e a Macerata per la Adina di L'elisir d'amore






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Ăneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale Ŕ iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310