Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Ovazioni nel Teatro Regio di Parma per l'allestimento dell'ultima opera di Giacono Puccini

Turandot, primo e secondo cast

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 22 Gennaio 2020

200122_Pr_00_Turandot_GiuseppeFrigeniPARMA - La città di Giuseppe Verdi, eletta Capitale Italiana della Cultura 2020, ha dao il via alla stagione lirica del Teatro Regio con la Turandot di Giacomo Puccini; l'ultimo capolavoro del genio lucchese prende vita con un allestimento nato a Modena nel 2003 e che porta la firma di Giuseppe Frigeni (regia, coreografia, scene e luci), coadiuvato dalla di lui figlia Marina, mentre i costumi sono di Amélie Haas.
Uno spettacolo che brilla per la sua essenzialità, uno spettacolo che “rilegge” il finale (per molti lieto) in un’ottica più amara e cruda, ma non cruenta.
Il dubbio se Giacomo Puccini pensasse ad un lieto fine o meno, ci porta a considerare con interesse questa lettura dalla quale emerge l’atteggiamento opportunistico e “maschilista” del giovane Calaf. Alcune frasi posso esser lette in un’ottica “diversa” da quella in cui mi sono spesso cullato. Una su tutte: Tu non sai nulla schiava, con cui Calaf si rivolge alla schiava Liù: può essere un rimprovero (di fraterna protezione), ma anche una minaccia (a non svelare il segreto del nome, Calaf, appunto) verso la giovane schiava di cui tutte le movenze e gli atteggiamenti mirano a mostrarla succube di un amore che non avrà seguito; amore del quale il Principe ignoto sembra (ma è più di un sembrare) servirsi per conquistare l’inarrivabile Turandot.

200122_Pr_01_Turandot_Valerio GalliL’arduo cimento è per l’amore come enfatizza proprio Liù stessa, o porta in sé qualche altro fine?
Sembra proprio di propendere per la seconda ipotesi e Frigeni ce lo mostra seguendo un fil rouge amabilmente tessuto intorno ai tre personaggi.
Nella scena degli enigmi è Liù che con gesti eloquenti suggerisce proprio all’audace scopritore degli enigmi le soluzioni delle perfide domande; è la stessa Liù che con un gesto improvviso strappa dal vestito di Turandot il fermaglio rosso e appuntito che le cinge i fianchi per trafiggersi; Calaf spoglia quindi Turandot della veste candida (e non le serba il bacio che dà l’eternità) quasi a voler violare subdolamente il candore verginale; alla fine tale veste diventa il vessillo con cui egli, fiero della conquista, si dirige verso l’Imperatore simbolo di potenza (l’unica cosa a cui davvero ambiva).
E Turandot? Ella chinandosi sulle ginocchia (proprio sopra quella che è diventata la tomba di Liù dalla cui bontà e dolcezza ha imparato ad amare e con la quale ora si sente solidale nel dolore) vede veramente la sua gloria tramontare per aver donato il cuore ad un uomo che ha usato il sentimento dell’amore per arrivare all’unico suo scopo: il potere.
Ecco che nell’essenzialità e nella simbolicità delle scene, tutto questo emerge con movimenti rallentati, ma nobili che ci riportano alle stupende visioni di Bob Wilson (di cui lo stesso Frigeni è stato discepolo); la grande scena delle maschere del secondo atto si “gioca” interamente con le pedine di una dama: di colore bianco per le nozze e nere per il lutto; il gong diventa elemento mobile che si trasforma in una grande luna e l’essenzialità del fondale dona quella sensazione di immensità che simboleggia il regno principesco.
L’arroganza maschile di cui leggiamo e con cui ci confrontiamo spesso è anch’essa pura violenza verso la donna; una violenza subdola e sorda che (in questo caso) induce l’una al suicidio e l’altra al declino ed all’annichilamento della propria identità: temi attuali e amari di cui la nostra società è ahimè pregna.
Frigeni li porta in un contesto melodrammatico, ricordandoci che «Turandot non è una storia d’amore, ma lo scacco di un’illusione amorosa nel ribaltamento dei giochi di potere, delle leggi di un potere arcaico, attraversato dal cinismo maschilista, l’ambizione e l’arroganza di Calaf.»
Una lettura che all’interno della scatola scenica in cui è avvolta la scalinata (su cui si regge tutto lo spettacolo dove i tagli di luci ed ombre risultano algidi ed essenziali), ci porta al profondo senso drammaturgico della lettura registica in cui «… le relazioni spaziali tra i personaggi sono già “psicologia” poiché lo spazio e la luce costruiscono una ritmica interna, e lo spettatore/uditore può percepire questa tensione spaziale come tensione drammaturgica , allo stesso modo con il quale legge le tensioni spaziali dei personaggi di un dipinto.»

 

200122_Pr_02_Turandot_facebook

 

Il M° Valerio Galli, sta a Giacomo Puccini, come “il cacio ai maccheroni”; a parte la similitudine un po’ “boccaccesca”, la lettura del direttore viareggino ha trovato pieno riscontro nella visione registica e scenica. Alla guida della Filarmonica dell’Opera italiana Bruno Bartoletti, si è manifestato con una lettura molto asciutta e direi essenziale senza nulla togliere alle corpose sonorità e allo stridore armonico di cui la partitura abbonda. Elegante nel gesto, ha sostenuto cantanti e coro con la saggezza che scaturisce dall’esperienza, trovando una solida intesa con il palcoscenico. Le note diventano quindi piccoli puntini che, come in una pittura impressionista, restituiscono la magia delle sfumature pucciniane.

 

200122_Pr_14_Turandot_panoramica

 

Elegante, solido e sonoro anche il Coro del Teatro Regio di Parma preparato e diretto dal M° Martino Faggiani che ha cesellato una delle sue prove migliori; l’omogeneità delle voci e l’impasto con l’Orchestra hanno restituito pagine di sublime stupore; non da meno anche il Coro delle voci bianche Ars Canto Giuseppe Verdi sotto la guida del M° Eugenio Maria Digiacomi.
Ed eccomi al cast vocale raccontato per le due recite da me seguite.

 

200122_Pr_03_Turandot_FranceDarizSabato 18 gennaio 2020 - Secondo cast
Il tenore Samuele Simoncini ha vinto il cimento di questo suo debutto delineando un Calaf potente e poderoso nel quale non ha riversato solo nerbo, ma ha saputo trovare una sapiente intesa con le esigenze di un’emissione volta a valorizzare le numerose sfumature richieste in partitura. Un artista che, impegno dopo impegno, mostra una progressiva maturazione artistica che si esplicita in una vocalità sempre più attenta al fraseggio ed alla cura introspettiva del personaggio interpretato.
La Liù di Marta Torbidoni non teme la dolcezza e la soavità del personaggio affrontando il rigo musicale con un legato sempre presente e con intonazione ineccepibile.
Da manuale le tre maschere Ping, Pong e Pang in cui si sono cimentati rispettivamente Fabio Previati, Roberto Covatta e Matteo Mezzaro; è inutile dire che nel fascino alchemico di questo allestimento i loro interventi sono state perle di musicalità e di colori, pennellate soavi perfettamente incastonate nel rigore delle note. Un quadro di rara bellezza.

 

200122_Pr_04_Turandot_GeorgeAndguladze200122_Pr_05_Turandot_SamueleSimoncini200122_Pr_06_Turandot_FranceDariz

 

France Dariz ha dimostrato di essere una grande musicista ed un’ottima interprete che svicola un po’ dalla tradizione cui siamo abituati per il ruolo di Turandot, ma grazie ad una musicalità stupefacente ed una grande tenacia scenica non ha faticato a trarre la parte più nobile e meno altera della principessa di gelo.
200122_Pr_07_Turandot_MartaTorbidoniGelo che non è mancato proprio per intenzioni e per lo scolpire della parola scenica sempre ben marcata con il fuoco dell’ottima dizione.
Da dimenticare il Timur di George Andguladze che ha saputo scarabocchiare sul foglio immacolato della partitura note sgraziate quanto a precisione musicale (leggasi intonazione) e proiezione (leggasi sonorità e luminosità del timbro) con un risultato complessivo pessimo.
Una certezza l’Altoum di Paolo Antognetti elegante nel fraseggio e ficcante negli accenti.
A completamento del cast encomio per i ruoli di fianco: Benjamin Cho (Un Mandarino), Dongmin Shin (Il Principe di Persia), Alessandra Maniccia e Giulia Zaniboni (Le due Ancelle di Turandot).

 


200122_Pr_08b_Turandot_RebekaLokarDomenica 19 gennaio 2020 - Primo cast
Si imperla di gelo la Principessa Turandot grazie alla radiosità e alla corposità del timbro di Rebeka Lokar; la sua voce oltre ad essere salda e sicura in tutta l’estensione richiesta dal ruolo, trova ottime intenzioni interpretative grazie ad un legato curatissimo. La voce corre, si libra nell’aria e sciorina con veemenza i terribili (da un punto di vista anche musicale) enigmi. Nel finale sa trovare quella giusta contrapposizione all’alterigia che le sarebbe propria dipanando le note con un canto fluido, mai incline a forzature e quindi elegantemente morbido per imprimere quel carattere suadente da donna ormai rapita dall’amore dell’ignoto.
Sono fermamente convinto che il vero vincitore della serata (sotto ogni punto di vista) sia stato il tenore Carlo Ventre nei panni di uno strepitoso Calaf. In quel pomeriggio musicale sulle tavole del Regio di Parma ha saputo infiammare la platea con un canto sublime; in ogni pagina ha profuso la grande esperienza di un artista navigato nel ruolo, cercando di cesellare ogni nota con il profondo significato che il contesto drammaturgico richiede. Il finale dell’aria Non piangere Liù è stato degno di commozione in cui i rallentati, le messa di voce e le intenzioni più intime, si sono trasformate in uno squarcio di grandissimo Teatro in musica. Nessun dorma, poi, ha sigillato con la ceralacca una prova di lusso premiata da un applauso fragoroso a scena aperta.
Ottima anche la Liù di Vittoria Yeo che ha saputo ben miscelare l’ars scenica con quella vocale regalando sublimi filati e costellando la pagina finale (da tanto amor segreto in poi, per intenderci) di struggente pathos; il legato è un suo punto di forza che trova nel timbro perlaceo un comodo letto su cui scorrere.
Timur è stato egregiamente interpretato dal basso Giacomo Prestia della cui maturità artistica ci siamo felicemente beati; ha infatti regalato un personaggio vocalmente potente e autorevole, ma ha saputo cesellare i momenti paterni e dolci con ecletticità vocale non comune.

200122_Pr_09_Turandot_VittoriaYeo200122_Pr_10_Turandot_GiacomoPrestia200122_Pr_11_Turandot_CarloVentre200122_Pr_12_Turandot_MatteoMezzaroFabioPreviatiRobertoCovatta      200122_Pr_13_Turandot_RebekaLokar

Cambio per alcuni ruoli di fianco ottimi anche in questo pomeriggio: Marco Gaspari (Il Principe di Persia), Lorena Campari e Marianna Petrecca (Le due Ancelle di Turandot).
Per entrambe le recite un Teatro Regio ai limiti dell’esaurito e grandi ovazioni per tutti.

Crediti fotografici: Roberto Ricci per il Teatro Regio di Parma
Nella miniatura in alto: il regista Giuseppe Frigeni
Sotto: il direttore Valerio Galli
Al centro: due panoramiche sull'allestimento andato in scena al Regio di Parma
Nella miniatura al centro: il soprano France Dariz nel ruolo di Turandot (recita del 18 gennaio 2020)
Sotto in sequenza:
George Andguladze (Timur); Samuele Simoncini (Calaf); ancora France Dariz; e Marta Torbidoni (Liù)
Nella miniatura in fondo: il soprano Rebeka Lokar nel ruolo di Turandot (recita del 19 gennaio 2020)
Sotto in sequenza: Vittoria Yeo (Liù); Giacomo Prestia (Timur); Carlo Ventre (Calaf); Matteo Mezzaro (Pong), Fabio Previati (Ping), Roberto Covatta (Pang); e ancora Rebeka Lokar






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lrig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310