Pubblicato il 29 Settembre 2022
Successo per l'esecuzione delle Metamorfosi di Strauss e della Terza Sinfonia Eroica con Daniele Gatti
Orchestra Mozart la residenza ferrarese va servizio di Athos Tromboni

20220929_Fe_00_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_phMarcoBorggreveFERRARA - È decollata con una calorosa accoglienza di pubblico "l'avventura" della triennale residenza ferrarese dell'Orchestra Mozart istituita dall'Accademia Filarmonica di Bologna e fondata da Claudio Abbado: ieri sera infatti la formazione bolognese, prima nella sua versione per soli archi e poi con organico al completo, ha catturato i favori del pubblico di Ferrara Musica; sul podio era il suo direttore musicale, Daniele Gatti, conosciuto, stimato e anche molto ammirato nella città estense, per sue precedenti apparizioni a capo di grandi orchestre italiane ed europee.
Il progetto residenziale - che si inserisce nella storica tradizione di Ferrara Musica, da sempre impegnata a dare ospitalità alle formazioni create dal fondatore Claudio Abbado - durerà tre anni, fino al 2024, e vedrà la Mozart e Daniele Gatti impegnati in un ciclo dedicato alle Sinfonie di Beethoven: al via, per la serata inaugurale della residenza ferrarese, un programma con le Metamorphosen, capolavoro dell’estrema maturità di Richard Strauss, e di seguito la Terza Sinfonia “Eroica” di Ludwig van Beethoven.
Il concerto, nato a Ferrara, è poi in tournée al Teatro Verdi di Salerno (29 settembre), al Teatro Filarmonico di Verona (30 settembre), al Teatro Auditorium Manzoni di Bologna (1° ottobre) e alla Sala Verdi del Conservatorio di Milano (2 ottobre).
L'esecuzione delle celeberrime sinfonie beethoveniane da parte dell'Orchestra Mozart con Daniele Gatti sul podio proseguirà nel settembre del 2023 con due concerti che avranno in programma la Quarta e la Quinta Sinfonia (primo appuntamento del 2023), e la Seconda e la Sesta Sinfonia ( secondo appuntamento del 2023), e si concluderà nel settembre 2024 con gli ultimi due concerti, nei quali saranno eseguite la Prima e la Settima Sinfonia e, a chiusura del ciclo, l'Ottava e la Nona Sinfonia.
Come già accennato, la serata inaugurale si è aperta con le Metamorfosi di Strauss, brano composto alla fine della Seconda Guerra Mondiale - tra il marzo e l'aprile 1945 per la precisione - come segno di lutto per i devastanti bombardamenti su Monaco di Baviera. Si è di fronte a un compositore ormai disilluso, anche nei suoi ideali politici (Richard Strauss non nascose mai le sue simpatie per il regime nazista) e il suo suono, tanto lussureggiante nei celebrati poemi sinfonici della gioventù e della maturità, si fa qui intimo ed essenziale, una sorta di ricercare sulla variazione di cellule motiviche continuamente riprese e volutamente melanconiche, affidate all'orchestra d'archi e agli struggimenti espressivi che i timbri di tale formazione riescono a suscitare: Gatti dal podio asseconda l'ottimo amalgama degli strumentisti, li guida imponendo un proprio incedere ritmico, scandito, ben marcato, consono alle melanconiche note degli assieme e delle puntature solistiche qua e là emergenti (richiamate anche da cenni e citazioni minime ed improvvise a Wagner, Beethoven e anche a sé stesso): quasi trenta minuti di struggimento né disperato, né eroico, semplicemente disilluso.
Dopo l'intervallo, con orchestra al completo, è stata eseguita Sinfonia n.3 op. 55 di Beethoven, scritta nel 1804: i manuali di musica la definiscono come partitura maestosa, esuberante e al tempo stesso meditativa la cui imponenza e densità emotiva – non a caso l’opera venne originariamente dedicata da Beethoven al grande e controverso protagonista dell’inizio del Ottocento, Napoleone Bonaparte – ne fanno una delle pagine più amate della produzione beethoveniana e di tutto il repertorio classico.
Vale anche la citazione di Wagner, in un suo scritto proprio sulla Sinfonia Eroica: «Tutte le diverse e potentemente intrecciate impressioni di un'individualità forte e completa a cui niente di umano è estraneo, riempiono il quadro artistico di quest'opera. Avendo manifestato sinceramente tutte le passioni, questa individualità giunge ad una conclusione conforme alla propria natura, che unisce la mollezza più sentimentale al più energico vigore. Il cammino verso tale conclusione costituisce la tendenza di quest'opera d'arte...»

20220929_Fe_01_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_facebook_phMarcoCaselliNirmal

E Gatti inventa un'interpretazione come non avevamo mai udito per l'Eroica: sceglie di privilegiare (come anche precedentemente per le Metamorfosi straussiane) l'impatto e la varietà ritmica quale chiave espressiva predominante, con tempi spediti e con scanditi strappi degli archi; la melodia, l'arcata fluente e seduttiva delle note, diventano - soprattutto nel 1° movimento Allegro con brio - tessuto di passaggio tra inquietudine ed inquietudine con acquietamento delle pulsioni eroiche. E ancor più si manifestano inquieti i guizzi di violini e viole specificamente nei crescendo orchestrali.
Poi nella celeberrima Marcia funebre (secondo movimento, Adagio assai) esalta il rubato degli archi scuri, tira i tempi al lamentoso espressivo, porta il suono fuori delle secche di certo piattume filologico e conclude con una tesissima concentrazione sua e dell'intera orchestra sulle ultime note e sul silenzio lungo e denso che il direttore fa intercorrere tra l'ultima nota e il rilassamento della bacchetta.
Terzo e quarto movimento dell' Eroica eseguiti nel solco della precedente maniera, e pubblico in sintonia con orchestra e direttore fino alle ovazioni finali.
Se il buongiorno si vede dal mattino... la residenza ferrarese dell'Orchestra Mozart sarà seguita con calore crescente, al pari di altre residenze di grandi orchestre che la città estense ha ospitato ininterrottamente fin dai primi passi in città di Ferrara Musica.
(la recensione si riferisce al concerto di mercoledì 28 settembre 2022)

20220929_Fe_02_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_phMarcoCaselliNirmal

Crediti fotografici: Marco Caselli Nirmal per Ferrara Musica
Nella miniatura in alto: il maestro Daniele Gatti (foto M. Borggreve, repertorio)
Al centro e sotto: il maestro Gatti sul podio dell'Orchestra Mozart nel Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara





Pubblicato il 30 Giugno 2022
Ospite quasi irrinunciabile del Ravenna Festival la Budapest Festival Orchestra trionfa ancora
Iván Fischer bacchetta che incanta servizio di Attilia Tartagni

20220630_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_phZani-CasadioRAVENNA -La Budapest Festival Orchestra con il concerto del 28 giugno al Pala De André ha confermato, se mai ve ne fosse bisogno, l’importanza della presenza delle grandi orchestre nella manifestazione ravennate, dando vita a un concerto di qualità e gradevolezza incentrato su due classici: la Terza Sinfonia di Johannes Brahms e la Suite sinfonica “Sheherazade” di Nikolaj Rimsky-Korsakov, ispirato ai racconti delle “Mille e una notte”. Sono due capolavori del tardo Ottocento che rappresentano gli apici raggiunti nell’evoluzione del linguaggio sinfonico ed esaltano da una parte la sensibilità introspettiva mitteleuropea; e dall’altra l’anima fantastica russa; due momenti diversi ma ugualmente affascinanti che hanno permesso al pubblico, entusiasta, di assaporare fino in fondo l’insuperabile attrazione della musica dal vivo.
Dietro l’effluvio di applausi seguito a ogni esibizione, con lunghe richieste finali di bis, ci sono la grande intesa e la coesione raggiunte da una delle dieci maggiori orchestre internazionali, creata nel 1983 del maestro ungherese Iván Fischer che continua a dirigerla con lo stesso appassionato trasporto, orientandola verso scelte poliedriche con l’intento di allargare la platea dei fruitori.
«I professori d'orchestra non mi chiamano Maestro, ma semplicemente Iván...», ama dichiarare Fischer e certamente i professori della Budapest Festival Orchestra esprimono tutta la professionalità e la coesione conquistate negli anni di attività sul territorio e in giro per il mondo. Saranno quaranta, nel 2023, un bel traguardo. Iván Fischer ha un’intesa particolare con i suoi musicisti, scelti fin dall’inizio anche per un una comune visione musicale e oggi diventati un esercito di una ottantina di elementi con una sterminata avanguardia di archi.

20220630_Ra_01_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_facebook_phZani-Casadio

20220630_Ra_02_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_phZani-Casadio

La serata è fluita meravigliosamente sciorinando immortali pagine di musica che godono di una fama particolare, plasmate sul podio dall’instancabile direttore che alla fine, per accontentare il pubblico, ha offerto fuori programma due Danze ungheresi del primo Brahms, quando il compositore era più che mai sensibile alla musica popolare. Dovette giungere all’età di 43 anni, Brahms, per affrontare la sua prima sinfonia. La terza, datata 1883, ha anche una sua originalità nel fatto che, concluso l’incanto melodico del terzo movimento il cui celebre tema fu usato come colonna sonora dal regista americano Litvak per il film “Aimez-vous Brahms?” con Ingrid Bergman, Anthony Perkins e Yves Montand, si conclude non in modo eclatante come di rito, ma con quella che Luca Baccolini nella locandina del concerto definisce una “dissolvenza delicatissima”.
Se proprio vogliamo trovare delle analogie, anche la Suite sinfonica “Sheherazade” di Nikolaj Rimsky-Korsakov, dopo i tre movimenti che evocano fiabeschi personaggi orientali, vicende mirabolanti e tempeste marine attraverso continue esplosioni timbriche e orchestrali, si conclude con una sorta di pacificante Allegretto come un mare procelloso che dopo tanto sconquasso ritrova la calma, quasi a riflettere le esperienze marine del cadetto dell’Accademia Imperiale russa Rimsky-Korsakov.
Convinta che la musica è una forma di viaggio verso mondi “altri”,  definirei questa una serata empatica e di grande soddisfazione, un evento prezioso usufruito in diretta anche dal pubblico di Rai Radio 3, che ha trasvolato geografie e atmosfere lontane per poi tornare alle amate origini, la musica popolare cara ai musicisti e al direttore. La Danza ungherese n.6 di Brahms, inaspettata, ha chiuso il concerto in un tripudio di tensione, di ritmo e di incanto sonoro esaltando la musica popolare come il più autentico linguaggio del popolo ungherese. Respirare all’unisono con gli artisti, sentirli improvvisare dei fuori-programma, vedere materializzato il reciproco entusiasmo, dal vivo è possibile.
Nessuna registrazione, per quanto perfetta e rinomata, può dare altrettanto: questa è la lezione della serata.
(La recensione si riferisce al concerto di martedì 28 giugno 2022)

Crediti fotografici: Zani-Casadio per il Ravenna Festival 2022
Nella miniatura in alto e al centro: il direttore Iván Fischer
Sotto: panoramica di Zani-Casadio sul concerto nel Pala De André





Pubblicato il 30 Aprile 2022
Chiusa la stagione concertistica di Ferrara Musica nel Teatro Comunale
Esa-Pekka Salonen e l'Orchestre de Paris servizio di Edoardo Farina

20220430_Fe_00_OrchestreDeParis-EsaPekkaSalonen_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Il penultimo concerto del filone orchestrale-sinfonico ospitato nella programmazione invernale 2021-2022 di “Ferrara Musica”, ha offerto il podio a uno dei più importanti direttori d’orchestra sulla scena internazionale, Esa-Pekka Salonen alla guida della ”Orchestre de Paris” presso il Teatro Comunale di Ferrara “Claudio Abbado”, rappresentando la significativa tappa centrale italiana di un tour che ha toccato dapprima la città di Torino nell’ambito dei Concerti di “Lingotto Musica” e in seguito la data inserita nella Stagione del “Teatro alla Scala” di Milano. Direttore innovativo, rinomato intellettuale, curioso e convinto promotore della musica ove è difficile definirne la personalità poliedrica, “gigante della bacchetta” come è stato definito dalla critica internazionale, si tratta di un gradito ritorno dopo la presenza nel teatro estense già avvenuta nel 2010 al vertice della “Mahler Chamber Orchestra”, mentre per la celebre orchestra francese si è trattato di un debutto assoluto. 63enne nato a Helsinki, (Esa di origine medievale tradotto come Isaia, Pekka starebbe per Peter mentre Salonen è tra i cognomi più diffusi in Finlandia) ha studiato presso la “Sibelius Academy” della sua città corno, composizione e direzione d'orchestra con Jorma Panula, avendo come compagni di classe Jukka-Pekka Saraste e Osmo Vänskä. Si è dedicato in seguito alla scrittura perfezionandosi con Franco Donatoni, Niccolò Castiglioni e Einojuhani Rautavaara. Difficile sintetizzare l’enorme esperienza artistica: in breve, il primo esordio come direttore fu nell’ “Orchestra Sinfonica della Radio Finlandese” nel 1979 con la lirica Wozzeck di Berg eseguita alla “Royal Opera di Stoccolma”. Sebbene l’attività sia sempre stata quella di compositore, attualmente è direttore musicale della “San Francisco Symphony”, quindi direttore onorario della “Los Angeles Philharmonic” (avendola diretta dal 1992 al 2009), della londinese “Philharmonia Orchestra” e dell’”Orchestra Sinfonica della Radio Svedese”.
Ricercatore instancabile di molteplici collocazioni per la musica classica nel nuovo millennio, interprete di riferimento del periodo novecentesco, ha avuto un ruolo fondamentale come revisore nella valorizzazione della musica di oggi applicata alle moderne tecnologie digitali emergenti, ricevendo importanti riconoscimenti tra cui il Premio Rostrum dell’UNESCO per l’opera Floof e il “Premio Siena” dell’”Accademia Musicale Chigiana”.
20220430_Fe_03_OrchestreDeParis-EsaPekkaSalonen_phMarcoCaselliNirmal
Principale orchestra sinfonica francese, l’”Orchestre de Paris” svolge in ogni stagione circa un centinaio di concerti con in organico ben 119 musicisti, alla “Philharmonie de Paris” o in tournée internazionali. Erede della “Société des Concerts du Conservatoire” fondata nel 1828 su impulso di Luigi Cherubini e François-Antoine Habeneck, ha tenuto il debutto inaugurale nel 1967 sotto la direzione di Charles Munch, succeduto da Herbert von Karajan, Sir Georg Solti, Daniel Barenboim, Semyon Bychkov, Christoph von Dohnányi, Christoph Eschenbach, Paavo Järvi e Daniel Harding. La strategia preposta pone le attività nella linea diretta della discendenza della tradizione musicale nazionale compiendo un ruolo fondamentale al servizio sia dei repertori appartenenti dal periodo romantico in avanti così come della creazione contemporanea attraverso l’accoglienza di diversi musicisti in residenza, quindi le prime di numerose opere e la presentazione di cicli dedicati alle figure tutelari del secolo scorso.
E proprio per il carattere peculiare che ha connotato l’esibizione a capo della compagine parigina, venendo all’appuntamento ferrarese del 28 aprile 2022, ove la densità sonora espressa ha trovato una risposta acustica efficace da parte di una sala per l’occasione totalmente gremita, il cui palcoscenico è stato interamente occupato dai componenti dell’orchestra in numero talmente elevato da dovere smontare la camera acustica senza però perdere volume e presenza in alcun modo. Un dato che, oltre alla prerogativa rappresentata da una dimensione tendenzialmente raccolta e non dispersiva, avvalendosi del vantaggio di restituire in maniera immediata la trascinante reattività di una formazione strumentale estremamente coesa, sia dal punto di vista dinamico sia da quello timbrico-strumentale dovuto soprattutto alla compattezza orchestrale data dalla perfetta fusione tra archi e ottoni, contesto sempre difficile da abbinare nel giusto bilanciamento esaustivo. Tipologie emerse fin dalla prima parte dell’attrattiva serale, protagonisti di una scelta che comprende decenni di musica, sospesi tra Ottocento e Novecento inoltrato, aperto dall’esecuzione della Pavane pour une infante défunte di Maurice Ravel (1875-1937) brano dalla struttura molto semplice costruito sul modello di una danza rinascimentale di corte e soggetta a numerose trascrizioni destinate a svariati strumenti; composta nel 1899 nella versione per pianoforte dedicata al salotto di Winnaretta Singer (mecenate statunitense naturalizzata francese) Principessa di Polignac, poi rielaborata per piccola  orchestra nel 1910, è segnata da una compostezza di accenti migrati dagli ottoni agli altri fiati fino ad arrivare agli archi seguendo quel caratteristico filo melodico che lega con misura dolce e un poco malinconica una solenne pagina dell’artista originario della città basca di Ciboure. La forma del brano, articolata in cinque brevi sezioni, ne segue il disegno coreografico attraverso un tema che ritorna ogni volta dopo l’inciso, rappresentante la spina dorsale del lavoro, come afferma anche nelle note di sala il musicologo Oreste Bossini. La voce nostalgica e romantica del corno, immerge sin dall’inizio la nobile melodia in una luce vespertina che conferisce al piccolo capolavoro il fascino misterioso di un’ironica elegia dal tono malinconico senza tempo.
Una misura che ha trovato nel brano successivo un territorio sinfonico dal carattere decisamente differente, nel quale l’eloquente gestualità di Salonen si è inoltrata con passo risoluto restituendo quella sorta di progressione espressiva incardinata su una cifra virtuosistico-orchestrale con la Suite da concerto tratta dalla pantomima espressionista Un Mandarino meraviglioso  basata su un racconto di Melchior Lengyel (o forse più correttamente Un Mandarino miracoloso) di Béla Bartók (1881-1945) straniante ritratto della malavita di una periferia metropolitana composta tra l’ottobre del 1918 e il maggio successivo nel drammatico immediato dopoguerra, concepito in origine in forma di pantomima. La musica aspra e violenta è scaldata da una profonda compassione che solo un autore di spessore artistico e spirituale quale era il pianista ed etnomusicologo ungherese poteva sentire in maniera così sconvolgente e al tempo stesso rigorosa dal punto di vista formale. Bartók, tra gli esponenti dell’Espressionismo e la seconda Scuola di Vienna dalle forme atonali, dissonanze e sperimentalismi, rimane fedele a quell’ossessiva esplorazione del proprio inconscio che aveva rappresentato il carattere peculiare delle più importanti composizioni di quegli anni ove le note ne ripercorrono la vicenda in una sequenza di scene di sconvolgente forza espressiva. Egli sfrutta le risorse della grande orchestra con abilità magistrale, traendo un impressionante repertorio di gesti ed effetti sonori dalle cavità degli strumenti in un efficace accavallarsi di timbri incisi e ritmi pulsanti ossessivamente ripetuti, qui bene espressi dalla dinamica e sonorità sapientemente regolate. L’insieme si chiude nella parossistica scena che costituisce il culmine drammatico della esposizione tramite un valzer quasi immobile che si carica gradualmente di inquieta e stravolta sensualità, fino a travolgere gli animi in una violenta tempesta di suono e bruciante energia ritmica.
L’apice della parte conclusiva viene raggiunta attraverso i cinque tempi intrisi di ispirata suggestione, trovando proprio nell’intreccio serrato delle battute finali la restituzione cristallina assieme della coesione dinamico-strumentale della formazione parigina. Un dato poi ribadito in maniera più distesa e dilatata, abitata dalle diverse declinazioni connesse dalle sezioni che compongono la Symphonie fantastique op. 14 (Episodio della vita di un artista) di Hector Berlioz (1803-1869). Una sorta di affresco sinfonico la cui riconosciuta varietà di accenti ha preso forma in una materia sinfonica che l’Orchestre de Paris ha tratteggiato con una misura al tempo stesso sofisticata e pregnante, plasmata dallo stesso Salonen attraverso una lettura caratterizzata da una agogica misurata ma sinuosa e da una densità timbrica policroma ma lucida, sostiene il critico Alessandro Rigolli.
Per lo scrittore Stefano Jacini, invece, il direttore “ha proposto una coerente interpretazione lucidissima, asciutta, i passaggi sognanti sempre trattenuti, con precisione assoluta ed effetti sonori di raro ascolto. L'impressione che se n'è ricavata è però di una quasi totale mancanza di irrazionalità, fondamentale alla carica visionaria di Berlioz. Tutto è risultato logico, sistematico, coerente, equilibratissimo, come un raffinato esercizio di stile. L'orchestra ha risposto mirabilmente a questa impostazione di raro ascolto, ma alla fine è rimasta la sensazione di aver visitato una interessante mostra di pittura cubista, della quale si sono apprezzati gli accostamenti delle forme, ma sempre con qualche difficoltà a poter cogliere la figura intera”. Terminata nell’arco di tre mesi all’inizio del 1830, il più importante lavoro sinfonico apparso dopo la Nona Sinfonia di Beethoven, detta fantastica, ossia di fantasia in quanto la partitura è legata a un programma narrativo scritto dallo stesso autore, fu eseguita la prima nella sala del Conservatorio di Parigi il 5 dicembre del medesimo anno riscuotendo un clamoroso successo anche se all’epoca suscitò parallelamente diverse reazioni controverse. Vita e letteratura si mescolano in maniera indissolubile in quest’opera, la forma e il linguaggio in realtà non si discostano dal modello beethoveniano, ove egli riversa in maniera geniale la massa di esperienze e impressioni stratificate nella sua coscienza, conferendo nella partitura una serie di materiali musicali provenienti da lavori precedenti e di suggestioni letterarie disparate creandone il carattere bizzarro, eccessivo, anticonformista e visionario della musica, concentrandosi soprattutto nella sfera sonora esprimendone un’acuta sensibilità emotiva, sempre secondo Bossini.

 

20220430_Fe_01_OrchestreDeParis-EsaPekkaSalonen_facebook_phMarcoCaselliNirmal

20220430_Fe_02_OrchestreDeParis-EsaPekkaSalonen_phMarcoCaselliNirmal

Ne troviamo risonanze tipiche del teatro d’opera, persino delle chiese parigine dove era ancora viva la tradizione del canto gregoriano, delle parate militari, soprattutto nell’esecuzione del penultimo tempo della Marcia dove le trombe, i rimanenti fiati poi i timpani, appaiono in un unisono trionfale perfetto, in grado di raggiungere spettacolari sontuosità dall’impatto coinvolgente.
L’interpretazione offerta da Salonen (non avendo lanciato in aria la bacchetta su un finale fortissimo come sorprendentemente usava fare in passato) è stata indubbiamente caratterizzata da una sorta di luminosa essenzialità, gesto plastico, sicurezza negli attacchi dotati di grande precisione; assecondata con reattiva densità espressiva da l’Orchestre de Paris, la formazione è apparsa compatta ed efficace nonostante il numero elevato dei componenti anche alla luce dei due bis da lui stesso annunciati in un discreto italiano proposti fuori programma e rappresentati da Le jardin féerique tratto da Ma mère l’oye  di Ravel e Vorspiel dall’atto III° del Lohengrin di Wagner, pagine che hanno confermato la lucida e trascinante vivacità di lettura del direttore finlandese, salutato assieme alla compagine orchestrale parigina da un bel successo suffragato dai calorosi, ribaditi e convinti applausi del pubblico presente – associandomi di nuovo e in parte alle parole di Rigolli.

Crediti fotografici: Marco Caselli Nirmal per Ferrara Musica
Nella miniatura in alto: il direttore Esa-Pekka Salonen
Sotto: Esa-Pekka Salonen e l'Orchestre de Paris nel Teatro Comunale "Claudio Abbado" di Ferrara






< Torna indietro

Nuove Musiche Jazz Pop Rock Etno Classica Vocale


Parliamone
Tedesco-Cardelli-Cardelli e il Secolo Breve
intervento di Athos Tromboni FREE

20220910_Fe_00_TrioCardelli_FabiolaTedescoFERRARA - Un programma di sala intelligente. E soprattutto stimolante. Ci riferiamo al concerto finale dell’Ensemble Musik Festival organizzato nello splendido Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dall’Associazione Ensemble. Il trio formato dalla violinista Fabiola Tedesco e dai fratelli Giacomo (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte) ha proposto musiche di Luciano Berio (Sequenza VIII per violino solo), Salvatore Sciarrino (Notturno n.3 per pianoforte), Fabio Vacchi (Sonatina III per violoncello solo), Händel/Halvorsen  (Passacaglia in Sol minore per violino e violoncello) e Robert Schumann (Trio n.1 in Re minore op.63): come si vede, è un impaginato che affronta il misconosciuto repertorio del Novecento e il ben più frequentato repertorio romantico.
La scelta di quel programma è stata spiegata da Giacomo Cardelli al pubblico prima dell’inizio del concerto, con un breve discorso che ha testimoniato la predisposizione
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Prosa
Oylem Goylem dove il mondo č scemo
servizio di Athos Tromboni FREE

20221126_Fe_00_OylemGoylem_MoniOvadiaFERRARA – «Dico un sacco di fregnacce sugli ebrei e sull’ebraismo. Non sono né un maestro, né un dotto, anche se qualcuno tenta di farmici passare… io sono solo un saltimbanco, e tale voglio restare.»
La frase si trova nel capitolo introduttivo del primo libro stampato (o forse il secondo libro)
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Otello nel blu di Ciabatti
servizio di Rossana Poletti FREE

20221106_Ts_00_Otello_GiulioCiabatti_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Lirico “Giuseppe Verdi”. «Non è un dramma della gelosia...» aveva affermato il regista Giulio Ciabatti alla conferenza di presentazione dell’Otello, andato in scena al Teatro Verdi di Trieste: «... la gelosia è solo l’apparenza, ma la scrittura musicale ci porta lontano, in un luogo in cui non c’è giustizia sociale e neanche
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Alfredo d'Ambrosio revival tra Italia a Francia
FREE

20221031_Dischi_00_OperaOmniaDiAlfredoDAmbrosio_Copertina.JPGÈ uscito per Brilliant Classics (ed era stato interamente anticipato su YouTube), il cofanetto di 3 compact-disc che il Gran Duo Italiano composto da Mauro Tortorelli al violino e Angela Meluso al pianoforte hanno inciso tra il 2021 e il 2022. L'incisione discografica si avvale delle pagine riscoperte e rivitalizzate grazie all’opera di raccolta e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Alcina delle meraviglie
servizio di Giuliano Danieli FREE

20221027_Fi_00_Alcina_CeciliaBartoliFIRENZE – L’Alcina andata in scena a Firenze nel Teatro del Maggio Musicale Fiorentino – ripresa dell’allestimento concepito nel 2019 per il Festival di Salisburgo, opportunamente adattato agli spazi della Sala Zubin Mehta – è uno di quei rari spettacoli destinati a rimanere indelebilmente vivi nella memoria di chi ha avuto la fortuna di assistervi.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La forza del destino un successo
servizio di Nicola Barsanti FREE

20221017_Pr_00_LaForzaDelDestino_GregoryKundePARMA - Nella meravigliosa cornice del Teatro Regio di Parma, l’ultima rappresentazione di La forza del destino di Giuseppe Verdi, (opera inaugurale del Festival Verdi 2022) si rivela un successo. La regia minimalista ed essenziale di Yannis Kokkos risulta ben armonizzata al libretto e pronta a suggerire, là dove necessario, scene evocative di
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
L'albero e i simboli della Carlson
servizio di Athos Tromboni FREE

20221015_Fe_00_TheTree-CarolynCarlsonFERRARA - Nella sua opera letteraria della maturità, il filosofo-poeta francese Gaston Bachelard sublima un suo credo con questa frase: «La nostra appartenenza al mondo delle immagini è più forte, più costitutiva del nostro essere che non l'appartenenza al mondo delle idee.»
È un invito all'uomo e alla donna di lasciarsi andar
...prosegui la lettura

Eventi
Superstagione per opera e balletto
servizio di Athos Tromboni FREE

20221011_Fe_00_StagioneLiricaEBalletto_CarloBergamascoFERRARA - Il vicepresidente della Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, avvocato Carlo Bergamasco, ha detto, riferendosi al calendario della lirica e del balletto 2022/2023: «Si tratta di una stagione senza precedenti per varietà e ricchezza di titoli» commentando i dieci titoli di lirica (o meglio: di teatro musicale, perché non c'è soltanto l'opera
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Il Trovatore baritono meglio del tenore
servizio di Nicola Barsanti FREE

20221007_Fi_00_Trovatore_MariaJoseSiri_phMicheleMonastaFIRENZE - Lo spettacolo inaugurale del festival d’autunno del maggio Musicale Fiorentino, dedicato a Giuseppe Verdi, vede protagonista Il Trovatore: una delle tre opere cardine della cosiddetta trilogia romantica (o popolare). Come suggerisce Alberto Mattioli, quella proposta dal Maggio potrebbe altresì essere definita una trilogia spagnola
...prosegui la lettura

Classica
Orchestra Mozart la residenza ferrarese va
servizio di Athos Tromboni FREE

20220929_Fe_00_OrchestraMozart-SinfoniaEroica_DanieleGatti_phMarcoBorggreveFERRARA - È decollata con una calorosa accoglienza di pubblico "l'avventura" della triennale residenza ferrarese dell'Orchestra Mozart istituita dall'Accademia Filarmonica di Bologna e fondata da Claudio Abbado: ieri sera infatti la formazione bolognese, prima nella sua versione per soli archi e poi con organico al completo, ha catturato i favori
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Risultati del 99° Arena di Verona Festival
servizio di Athos Tromboni FREE

20220923_Vr_00_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasiVERONA - I risultati del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 sono stati comunicati ieri con illustrazione di dati e cifre che hanno testimoniato il successo della stagione estiva nell'anfiteatro romano della città scaligera. Ecco i dati salienti: 46 serate dentro un'Arena ritornata, dopo la pausa Covid, alla disponibilità della piena capienza; 342.187
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Ferrara in jazz d'autunno
servizio di Athos Tromboni FREE

20220919_Fe_00_JazzClub_HermonMehariFERRARA - il 30 settembre si apre la nuova stagione artistica del Jazz Club Ferrara al Torrione San Giovanni di Corso Porta Mare 112; la programmazione prevede attività fino alla fine di aprile 2023, ma oggi in conferenza stampa sono state rese pubbliche le serate dei primi due mesi, ottobre e novembre 2022. Tutto lo staff del
...prosegui la lettura

Eventi
La tragédie de Carmen in Umbria
redatto da Athos Tromboni FREE

20220919_Spoleto_00_StagioneLiricaRegionale2022-Carmen_CarloPalleschiSPOLETO - La nuova produzione della Tragédie de Carmen – andata in scena in anteprima nel mese di agosto 2022 a Spoleto – sarà nuovamente allestita, in occasione della Stagione Lirica Regionale 2022 dell'Umbria. Questi gli appuntamenti: Auditorium San Domenico di Foligno (mercoledì 21 settembre, ore 20.30); Teatro degli Illuminati di Città
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
EuropAuditorium stagione 2022/2023
servizio di Edoardo Farina FREE

20220915_Bo_00_StagioneTeatroEuropAuditorium2022-2023_FilippoVernassaBOLOGNA - Consueta conferenza stampa al Teatro EuropaAuditorium, ove martedì 13 settembre 2022 alla presenza di Giorgia Boldrini – Direttrice Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna, Donato Loria – CEO Bologna Congressi, Filippo Vernassa – Direttore artistico dello stesso Teatro, Giacomo Golfieri – Amministratore unico Fonoprint
...prosegui la lettura

Eventi
Torna Ferrara Musica al Ridotto
servizio di Athos Tromboni FREE

20220914_Fe_00_FerraraMusica-CartelloneConcertiRidotto_EnzoRestagnoFERRARA - L'assessore alla Cultura Marco Gulinelli, con il musicologo Enzo Restagno e il maestro Dario Favretti di Ferrara Musica hanno presentato la nuova stagione cameristica nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che si svolgerà nel prossimo autunno-inverno: domenica 25 settembre 2022 prenderà il via la seconda
...prosegui la lettura

Dvd in Redazione
Lucilla & Zsuzsana ottimo duo
FREE

20220831_Dvd_00_AlfredoDAmbrosioAlfredo d'Ambrosio (1871-1914)
"Dedicato a..."
Lucilla Rose Mariotti violino
Zsuzsana Homor  pianoforte
Produzione The Achor Pictures
Registrato nel dicembre 2021 nella reggia ungherese di Godöllö, già dimora di Sissi-Elisabetta consorte di Francesco Giuseppe
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310