Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Approdata a Villa Bertelli un'associazione di artisti lirici destinata alla notorietÓ non solo in Versilia

Le belle consonanze della Kreion

servizio di Athos Tromboni

Pubblicato il 09 Agosto 2020

200809_ForteDeiMarmi_00_ConsonanzeArtistiche_SimoneTomei_phMattiaBertozziFORTE DEI MARMI (LU) - Sono le "consonanze artistiche" quelle che consentono ad uno spettacolo (a qualsiasi spettacolo, indipendentemente dal genere) di affermarsi come evento notevole e richiamare tante persone che poi possono dire orgogliosamente ai figli e nipoti quel famoso «io c'ero». Tanto più se si tratta di musica lirica, dove le "consonanze" ai giorni nostri si sono rarefatte, depresse da una crisi senza precedenti, pandemia da Coronavirus docet...
Ma la volontà di non arrendersi è il più efficace antidoto contro le "non-consonanze" o (se si preferisce, visto che siamo in campo musicale) contro le "dissonanze", così come il vaccino prossimo futuro (si spera) può essere la soluzione contro la pandemia che deprime oggi i nostri proponimenti e i nostri intenti.
Su questa linea di rilancio delle "consonanze" si è mossa recentemente la giovane associazione Kreion Versilia guidata dal soprano Alida Berti e animata da molti artisti lirici, tutti "consonanti".
Questa l'impressione suscitata durante il bel concerto tenutosi venerdì 7 agosto 2020 presso la Villa Bertelli di Forte dei Marmi. La grande arena della villa, capiente di mille posti a sedere tutti distanziati secondo norma, era piena a metà; un bel successo di pubblico se si considera che un concerto lirico in provincia, quando raccoglie 500 e più spettatori, è di per sé un evento.
Certo, il programma era allettante: oltre alla Berti erano in pedana il baritono Sergio Bologna, il mezzosoprano Anna Maria Chiuri, il soprano Antonia Cifrone, il soprano Elena Fioretti, il tenore Luciano Ganci e il basso Giorgio Giuseppini. Una all-stars del mondo lirico italiano, perché si tratta di artisti che hanno già maturato invidiabili carriere, salvo la giovane e promettente Elena Fioretti il cui avvenire verso il successo professionale sembra già assicurato, viste (e sentite) le qualità vocali di questa cantante.

200809_ForteDeiMarmi_01_ConsonanzeArtistiche_GiorgioGiuseppini_phMattiaBertozzi 200809_ForteDeiMarmi_02_ConsonanzeArtistiche_AnnaMariaChiuriLucianoGanci_phMattiaBertozzi
200809_ForteDeiMarmi_03_ConsonanzeArtistiche_ElenaFioretti_phArchivioKreionVersilia 200809_ForteDeiMarmi_04_ConsonanzeArtistiche_AntoniaCifrone_phArchivioKreionVersilia

Il concerto era diretto musicalmente dal pianista Roberto Barrali, con un intervento anche del giovane clarinettista Ioan Bodnarciuc (fresco di diploma di maturità al liceo musicale di Massa, figlio di Alida Berti) per il preludio dell'aria E lucevan le stelle dalla "Tosca" di Puccini; la serata era dedicata come "ricordo" a due celebri versiliesi quali l'imprenditore e melomane Vando D'Angiolo (scomparso all'età di 86 anni il 27 dicembre 2019), e al basso Luigi Roni (scomparso all'età di 76 anni il 26 marzo scorso, vittima del Covid-19).
Un "ricordo" e non una commemorazione, come ha tenuto a precisare, a nome di tutti, il presentatore della serata Simone Tomei, critico musicale della nostra testata.
Sul palcoscenico erano in bella mostra, oltre al pianoforte, due sculture bronzee di Emmanuel Fillon, artista contemporaneo, stile neoclassico, allure canoviano. E il fondale accoglieva le proiezioni (una vera a propria carrellata di colori, paesaggi e visi in primo piano, con funzione scenografica) create dall'architetto Marco Francesconi.

200809_ForteDeiMarmi_05_ConsonanzeArtistiche_AlidaBerti_phArchivioKreionVersilia
200809_ForteDeiMarmi_06_ConsonanzeArtistiche_AlidaBertiSergioBolognaAnnaMariaChiuriLucianoGanci_phMattiaBertozzi

Tomei ha fatto una prolusione al concerto spiegando chi siano stati D'Angiolo e Roni e perché sono importanti come esempi per il territorio locale ma non solo: «... due persone che per molti sono state cari amici ed entusiasmanti colleghi; due persone che avevano in comune una sconfinata cultura, un’innata eleganza ed una fattiva lungimiranza; due persone che hanno portato il nome della Versilia, della Garfagnana e più ingenerale di tutta la provincia lucchese nel mondo e sono ricordati come figure d’esempio e di rettitudine; due nomi che risuonano fortemente nei nostri ricordi e per i quali la musica, l’arte ed il bello erano un modus vivendi; ecco quindi che il miglior modo per ricordarli, ci è sembrato proprio quello dell’intreccio di arti, vivendo insieme a loro una serata con alcune “stelle” della lirica e non solo.»
D'Angiolo era il patron della Campolonghi, impresa di primaria importanza nel settore marmi e lapideo,  che ha fatto dell'azienda di Montignoso, dopo averla rilevata nel 1968, il polo versiliano che riveste un ruolo di primo piano a livello internazionale, con prestigiose commesse in tutto il mondo; filantropo e self-made man, era sempre rimasto legato alle proprie radici seravezzine, ricambiato con affetto dai propri compaesani e da tanti altri che l'hanno conosciuto sia come imprenditore che come finanziatore di eventi culturali e musicali.
Roni, il basso-baritono di Colomini, località nei pressi di Vergemoli, ha debuttato giovanissimo al Teatro dell’Opera di Roma nel cast di Aida e proprio Aida fu un suo cavallo di battaglia, cantata in molti altri teatri e festival nella conclamata carriera che lo ha portato sui più importanti palcoscenici del mondo, principalmente per gli impegnativi ruoli verdiani, ma anche come baritono in grado di cantare l'opera rossiniana e donizettiana. Nella valle del Serchio Roni era anche noto per aver ideato il festival itinerante "Il Serchio delle Muse" che, nei mesi estivi, faceva tappa nei luoghi più affascinanti della Garfagnana e della Media Valle con spettacoli consonanti dove protagonista era la musica lirica più amata dal pubblico.
Il concerto di Villa Bertelli, apertosi con l'aria La calunnia da "Il barbiere di Siviglia" di Gioachino Rossini (tante volte interpretata anche da Roni durante la sua prestigiosa carriera) ha dato la possibilità a Giorgio Giuseppini di mostrare quali siano le qualità vocali richieste a un belcantista: emissione morbida, fraseggio ineccepibile, ironia spalmata nella voce.
Un esempio probatorio, seguito a ruota anche da Sergio Bologna, che ha proposto come propria aria di sortita la famosissima Largo al factotum... Figaro qua, Figaro là tratta dalla stessa opera buffa rossiniana.
Poi via via tutti gli altri, dalla drammatica interpretazione di La luce langue (Verdi, "Macbeth") offerta da Antonia Cifrone, al soavissimo O mio babbino caro (Puccini, "Gianni Schicchi") dalla voce altrettanto soave e morbida di Alida Berti, alla seducente Mon coeur s'ouvre a ta voix (Saint-Saens "Samson et Dalila"), alla impegnativa Morrò ma prima in grazia (Verdi, "Un ballo in maschera") della promettente Elena Fioretti, fino alla celeberrima e già citata E lucevan le stelle per le corde e il cuore generoso di Luciano Ganci.
Ma anche duetti, e arie da camera non appartenenti al repertorio d'opera, il tutto culminato con l'esecuzione del quartetto del "Rigoletto", Bella figlia dell'amore , vera e propria gemma del genio compositivo di Giuseppe Verdi e chiosato con il Brindisi della "Traviata" cantato tutti assieme, anche qualcuno del pubblico. Ottimo l'accompagnamento pianistico di Roberto Barrali.
Insomma, una bella e coinvolgente serata lirica alla Villa Bertelli, nel cuore della Versilia e nell'epicentro dell'anima.

200809_ForteDeiMarmi_07_ConsonanzeArtistiche_facebook_phMattiaBertozzi

Crediti fotografici: Mattia Bertozzi e Archivio Kreion Versilia
Nella miniatura in alto: Simone Tomei, qui in veste di presentatore
Al centro in sequenza:  Giorgio Giuseppini, Anna Maria Chiuri e Luciano Ganci, Elena Fioretti, Antonia Cifrone, Alida Berti, il quartetto di Bella figlia dell'amore (Berti, Bologna, Chiuri, Ganci)
Sotto: i saluti finali di tutti i protagonisti






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Didone abbandonata e Dido and Ăneas
servizio di Angela Bosetto FREE

210403_Vr_00_Didone_GiulioPrandi_phFotoEnneviVERONA – Quale miglior modo di festeggiare il Dantedì (il 25 marzo 2021, ossia la giornata nazionale dedicata a Dante Alighieri per il Settecentenario della morte) che assistere all’anteprima dal vivo di un dittico lirico votato al mito di Didone? Difatti, sebbene il Sommo Poeta la collochi all’Inferno fra le regine lussuriose (Semiramide, Cleopatra
...prosegui la lettura

Personaggi
Un pentagono per il pentagramma
interviste di Simone Tomei FREE

210402_Personaggi_00_BacchettaDirettoreLUCCA - Se qualche tempo fa ci avessero detto che avremmo vissuto un periodo simile, sarebbe stato difficile crederci, ma la tempesta è arrivata e sembra destinata a durare ancora a lungo: la Musica, il Teatro e l’Arte in generale sono schiacciati (per tanti motivi) dagli eventi che da oltre un anno ci accompagnano e pure la mia penna è un po’ più sfaccendata e
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Il parlatore eterno e Il tabarro
servizio di Angela Bosetto FREE

210305_Vr_00_IlParlatoreEternoIlTabarro_DanielOren_EnneviFotoVERONA – La luce e le tenebre, la gioia e la disperazione, l’amore e la morte, la leggerezza e la tragedia. Ecco una serie di accostamenti che potrebbero evocare cosa significhi comporre un dittico unendo Il parlatore eterno di Amilcare Ponchielli e Il tabarro di Giacomo Puccini. Eppure questa è stata l’inedita e vincente scommessa del Teatro Filarmonico, che, per il proprio
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale Ŕ iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310