Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Il Teatro Comunale Claudio Abbado e il Conservatorio Frescobaldi insieme per Gaetano Donizetti

Il Campanello suona di notte

servizio di Edoardo Farina

Pubblicato il 22 Maggio 2023

20230522_Fe_00_IlCampanello_MarcoTitotto_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Prosegue la ricca programmazione del Teatro Comunale “Claudio Abbado” di Ferrara nell’ambito della Stagione Opera/Balletto 2022 -23 con Il Campanello del compositore bergamasco Gaetano Donizetti (1797-1848) ove mercoledì 17 maggio 2023, Marcello Corvino, direttore Artistico della Fondazione ne ha presentato l’introduzione all’evento con “Prima della Prima”, consueto appuntamento presso la sala Stemma del Ridotto. Alla presenza del M° Marco Titotto, direttore de l’Orchestra del Conservatorio “Girolamo Frescobaldi”, della Prof.ssa Annamaria Maggese, direttrice del medesimo istituto e il Prof. Paolo Bucchi, docente di Storia della Musica, esponendone le origini, vicissitudini e aneddoti della messa in scena di allora, hanno voluto sottolineare e sugellare la riuscita collaborazione odierna tra le due più importanti istituzioni musicali cittadine.
Una produzione composta dai migliori cantanti e musicisti provenienti dal nostro territorio e non solo, attraverso la regia di Giovanni Dispenza che ha visto impegnati i solisti, il coro del “Frescobaldi” in collaborazione con il “Coro Santo Spirito” preparato e diretto da Manolo Da Rold.                                          
20230522_Fe_01_IlCampanello_GiovanniDispenza
«… Nota anche con il titolo Il campanello di notte e Il campanello dello speziale è un’opera buffa in un atto; la critica di allora ne diede esito molto favorevole per come fu concepito l’allestimento originariamente ben diverso dalle condizioni in cui oggi lo potremmo vedere e sentire, bensì nella forma di farsa napoletana in cui i dialoghi non sono recitati nella formula dei “recitativi”, più in uso nella musica barocca, ma nel modo personale in cui Donizetti amava scrivere la retorica del “buffo” a differenza di altri autori che la abbandonarono non appena compiuta una carriera importante - sostiene Paolo Bucchi in modo chiaro ed esaustivo -.  Egli torna a Napoli da Venezia nel mese di marzo del 1836 ove aveva debuttato alla “Fenice” con il Belisario. Anno di gravi difficoltà a causa del periodo di profonda crisi che aveva afflitto i luoghi dati agli spettacoli per via anche del colera in atto che ne costringe la chiusura per timore dell’epidemia e, non per ultimi, i mancati rinnovi degli appalti degli stessi teatri reali quali il “San Carlo” e il “Teatro del Fondo”, oggi “Mercadante”. Rappresentata per la prima volta nel mese di giugno al “Teatro Nuovo”, destinato solitamente all’intrattenimento con inserti musicali, nel tentativo di riaprire ne occorreva una commedia inedita. Non sussistendo i mezzi per procurarsela, Donizetti autore sia del libretto che della musica composti integralmente nell’arco del periodo brevissimo di otto giorni testimoniandone la leggendaria rapidità per come la scrisse, offre gratuitamente Il Campanello alla compagnia venendo incontro alle richieste dell’impresario Filippo Pellegrino, gesto molto apprezzato tant’è che la stampa coeva non mancò di lodare la sua singolare generosità.
Il successo ne risollevò le difficoltà economiche della struttura e dopo il primo allestimento che conteneva nella versione iniziale secondo le consuetudini della farsa tradizionale i testi e la parte del farmacista Don Annibale Pistacchio in dialetto napoletano, Donizetti con l’aiuto di Salvatore Cammarano ne rimaneggiò l’inserimento in italiano quindi operò la sostituzione di alcuni numeri con l’aggiunta di un nuovo duetto. La vicenda tratta da una comédie-vaudeville francese di Léon Lévy Brunswick, Mathieu-Barthélemy Troin e Victor Lhérie  La sonnette de la nuit andata in scena a Parigi solo pochi mesi prima non è dal contenuto del tutto nuovo; i dialoghi sono molto lunghi e forse noiosi, si punta sull’attore locale figlio d’arte Raffaele Casaccia poi assai criticato per avere caricato con una mimica eccessiva il personaggio di Don Annibale, metafora che anticiperà in seguito il Don Pasquale del 1843, attribuendolo in maniera fin troppo grottesca…»

20230522_Fe_02_IlCampanello_facebook_phMarcoCaselliNirmal

«… Donizetti aveva imparato lo stile di Rossini - interviene brevemente Marco Titotto in pausa dalla prova d’orchestra - abbiamo molti duetti da lui stesso perfezionati nella forma che in seguito passerà a Verdi, tramite un’esposizione, quindi un momento centrale dal conflitto per amalgamarsi in un movimento veloce e divertente nell’interpretazione vista nei personaggi di Enrico e Serafino poi Enrico e Pistacchio attraverso stilemi riconoscibili dal pubblico di sicuro impatto e dal successo assicurato già all’epoca. A Ferrara tutto ciò rappresenta una grande sfida per via soprattutto dell’impiego di cantanti asiatici ingaggiati a interpretare parti dalla dizione difficilissima…» 
«... Mi riallaccio alle parole del maestro Titotto, avendo parlato proprio di un obbiettivo in grado di essere felicemente intrapreso e raggiunto dal nostro Conservatorio Frescobaldi, nonostante abbia all’attivo solo due classi di canto lirico e una di canto rinascimentale-barocco. Come tale l’allestimento di una performance annuale da programmarsi sempre in funzione delle presenze in base alle varie attività didattiche e sfruttando tempi spesso molto ristretti per selezionare le voci idonee è possibile tenendo comunque conto che a volte le disponibilità del “Frescobaldi” sono un po’ esili. Ad ogni modo il lavoro preposto costituisce comunque un momento di riflessione per come i nostri ragazzi vengano a studiare un repertorio spesso impensabile e sconosciuto…» conclude Annamaria Maggese.
A seguito di un periodo di grande successo nell’Ottocento, l’opera è tornata quindi in repertorio nei teatri d’Italia a partire dagli anni Cinquanta del secolo scorso. La fortunata collaborazione tra il Teatro Comunale Abbado e il Conservatorio Frescobaldi di Ferrara, dopo gli allestimenti delle Nozze di Figaro nel 2021 e La Cecchina l’anno successivo, continua in piena sinergia avendo offerto la magnifica opportunità di presentare sul palco del Teatro Abbado un cast vocale e un’orchestra formati come visto, quasi interamente da studenti locali  ove i ruoli sono stati affidati a Kim Minji e Elena Maria Giovanna Pinna (Serafina), Zhou Qihang e Carlo Torriani (Don Annibale Pistacchio, speziale), Shao Longxing e Zheng Chujing (Enrico, innamorato di Serafina), Greta Cognolato e Zeng Lanya (Madama Rosa madre di Serafina), Chen Zhipeng e Liu Xiangyu (Spiridione, garzone) e gli allievi delle classi di Canto considerati davvero strepitosi soprattutto per la indiscussa e sorprendente voce e la capacità di imparare alla perfezione i dialoghi in italiano e non solo.

20230522_Fe_03_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal 20230522_Fe_04_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal
20230522_Fe_05_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal 20230522_Fe_06_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal

20230522_Fe_08_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal

Il regista Giovanni Dispenza ha ambientato la rappresentazione in una Napoli accogliente e multiculturale, in cui Don Annibale in una controversa trama si presenta come esperto di medicina cinese e la novella sposa Serafina è una bella orientale.
In breve, Don Annibale Pistacchio, speziale, è un avaro farmacista in procinto di prendere moglie; la sua giovane sposa e un suo brillante corteggiatore che non si rassegna all’addio al nubilato della sua vecchia fiamma, ne sono i protagonisti ove con un esilarante gioco di fantasiosi travestimenti l’amante deluso cercherà di impedire in ogni modo che si concluda felicemente per il rivale. Serafina viene a lui promessa con gran dispetto dell'innamorato ricambiato, il giovane Enrico. La data viene fissata per il giorno precedente la partenza di Don Annibale per Roma, dovendo assolutamente recarsi per presenziare all'apertura del testamento di una sua zia defunta fermandosi per più di un mese. Appreso il fatto, Enrico con la complicità di Serafina, cercherà in tutti i modi di ostacolare il matrimonio ma soprattutto che questo venga consumato, così da guadagnare tempo per un successivo sforzo di farlo annullare.
Don Annibale è obbligato in forza di legge a fornire i suoi prodotti medicinali a chi ne faccia richiesta anche nelle ore notturne, quindi suonando il campanello esterno alla bottega sotto l'abitazione lo "speziale" sarà obbligato a presentarsi: sarà lo stratagemma di Enrico per disturbare l’imminente prima notte di nozze di Don Annibale. Presentandosi via via sotto spoglie diverse (un francese ammalato, un cantante rauco e un vecchietto ironico che canterà la famosa aria Mio signore venerato) Enrico continuerà a farsi ricevere da Don Annibale con i pretesti più strampalati finché, tra babà e agopuntura, il tempo scandirà inesorabile l’avvicinarsi dell’alba al ritmo spietato del povero speziale che dovrà comunque partire in diligenza per Roma lasciando Serafina illibata a casa.
Pagina considerata relativamente “minore” non essendo paragonabile alla migliore creatività di Donizetti come può essere L’elisir d’amore del 1832, non certo per importanza o per la durata di soli 50 minuti, Il Campanello cadde nell’oblio dopo solo tredici repliche del tempo, irrisorie per quanto riguardava la frequenza delle riproduzioni teatrali italiane, ma più probabilmente le cause furono dovute all’abbandono dalla compagnia da parte dell’allora venticinquenne Giorgio Ronconi (nella figura di Enrico) che divenendo da lì a poco uno dei più grandi baritoni dell’Ottocento (primo Nabucco verdiano), aspirava indubbiamente a ben altri ruoli di fama e notorietà. Da non sottovalutarsi, inoltre, la fine di un genere superato quale la farsa, ormai in declino per essere sostituito dal melodramma e il conseguente avvio verso la determinata sensibilità emergente dell’opera romantica.
20230522_Fe_10_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal
La versione allestita al Teatro Abbado di Ferrara, è apparsa molto convincente e bene esposta, attraverso un cast giovanissimo che pur provenendo ancora dagli studi accademici, ha dimostrato una grande professionalità e bravura ineccepibile. I costumi orientali disegnati da Monica Mulazzani, le scene di Francesca Lelli supportate dal direttore delle stesse Susanna Guerrini e le luci di Marco Cazzola, anche se piuttosto minimaliste senza considerevoli cambi di scenografia su uno sfondo azzurro e il disegno di un grande campanello bianco preceduto da un dipinto raffigurante ritratti dall’allegoria settecentesca a sipario chiuso, si sono rivelate sufficienti a creare il giocoso clima partenopeo dove la scritta “Essere Napoletano è Meraviglioso” posta stabilmente a mo’ di striscione in testa alle scene, ha scaturito un senso di allegria e vivacità sin da subito.
Riscontro favorevole da parte dei presenti in sala, accorsi numerosi, composti da ragazzi delle scuole nella “prima” andata in scena il 19 maggio 2023 mattina costituendo un’ottima iniziativa riguardo la possibilità di avvicinarsi all’educazione dell’ascolto utilizzando una scelta artistica di norma considerata ostica e poco comprensibile rispetto ad esempio Vivaldi o un solare quartetto di Mozart, per confermarsi il sold out nella serata successiva.
Le musiche gioiose, divertenti, quasi sempre in tonalità maggiore, complice un buon ritmo e tenuta di sceneggiatura senza mai praticamente annoiare, hanno sicuramente contribuito a destare un piacevole interesse anche nei confronti di una platea inesperta, contribuendo a determinare nel palco ferrarese la versatilità verso un tipo di lavoro di ricerca che da alcuni anni viene svolto nel tentativo ben riuscito di riportare alla luce opere spesso dimenticate, senza riempire ma neppure togliere i “soliti” titoli da cartellone appartenenti ai giganti della lirica ormai proposti centinaia di volte in tutta Italia.
Il Teatro Comunale Abbado è oggi ai primissimi posti nazionali per qualità e scelte della produzione, merito di un eccellente staff organizzativo, direi decisamente senza precedenti.
(la recensione si riferisce alla recita di venerdì 19 maggio 2023)

20230522_Fe_07_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal

20230522_Fe_09_IlCampanello_phMarcoCaselliNirmal

Crediti fotografici: Marco Caselli Nirmal per Teatro Comunale Claudio Abbado e Conservatorio Frescobaldi
Nella miniatura in alto: il direttore Marco Titotto
Sotto a destra: il regista Giovanni Dispenza
Al centro: un campo lungo di Caselli Nirmal su teatro e allestimento
Sotto, in sequenza: alcuni momenti della recita






< Torna indietro

Personaggi Approfondimenti Eventi Echi dal Territorio Pagina Aperta


Parliamone
Abbiamo la Turandot dei prossimi 20 anni
intervento di Athos Tromboni FREE

20230916_Spoleto_00_Turandot_phRiccardoSpinellaSPOLETO – Il Teatro Lirico Sperimentale “A.Belli” ha messo in scena la Turandot di Giacomo Puccini come ultima opera della sua stagione lirica. Due le note salienti da mettere in rilievo: la prima, che l’allestimento ha scelto il finale di Luciano Berio rispetto a quello tradizionale di Franco Alfano; e la seconda, che nel ruolo della Principessa di Ghiaccio - la sera del 15 settembre al Teatro Nuovo - ha cantato la giovane Suada Gjergji e con essa il mondo del melodramma ha trovato la Turandot dei prossimi 15 – 20 anni, poi diremo perché.
Ma partiamo dalla prima nota saliente: il finale di Berio. È talmente bello musicalmente che meriterebbe di essere “espunto” dall’opera per costituire un brano a sé, di Puccini-Berio se proprio lo si dovesse cointestare. Fior di musicologi hanno spiegato e scritto perché Berio abbia rispettato più di Alfano gli appunti lasciati da Puccini morto prima di concludere l’opera.
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Opera dal Nord-Est
Pigmalione cattura l'attenzione
servizio di Athos Tromboni FREE

20231204_Ro_00_Pigmalione_BrunoTaddia_phValentinaZanagaROVIGO - Il 16 ottobre 1714 il poeta e librettista veneto Francesco Passarini (da non confondere con l'omonimo compositore bolognese vissuto nel secolo precedente) scrisse una dedica al Podestà di Rovigo: «... Eccellenza, è un debito indispensabile del mio reverendissimo ossequio il consacrare alla grandezza di Vostra Eccellenza questo mio
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Le guerre di Ulisse raccontano
servizio di Athos Tromboni FREE

20231203_Fe_00_LeGuerreDiUlisse_MarcoSomadossiFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" era gremito sabato 2 dicembre 2023, per l'opera contemporanea Le guerre di Ulisse, musica di Marco Somadossi, libretto di Patrizio Bianchi, ex rettore dell'Università di Ferrara ed ex Ministro della Pubblica Istruzione, oggi professore emerito di Economia Applicata, presso il "suo" ateneo.      
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Eccola di nuovo: La bohme
servizio di Nicola Barsanti FREE

20231201_Fi_00_LaBoheme_GiacomoSagripantiFIRENZE - Al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino torna La bohème nella  classica e tradizionale regia firmata da Bruno Ravella (già vista e recensita nel 2017 che potete leggere qui), in quest’occasione ripresa da Stefania Grazioli con ottima cura, e  come allora si apprezzano le luci di D. M. Wood, qua riprese da Emanuele Agliati.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
La Turandot viene dall'oriente
servizio di Athos Tromboni FREE

20231127_Fe_00_Turandot_MarcelloMottadelli_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - La nuova Stagione d’Opera e Balletto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" si è inaugurata con la messa in scena della Turandot di Giacomo Puccini, coproduzione tra la coreana Daegu Opera House e la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Tutto esaurito, sia per la "prima" che nella replica della domenica
...prosegui la lettura

Opera dall Estero
La donna senz'ombra
servizio di Ramn Jacques FREE

20231113_Lyon_00_DieFrauOhneSchatten_SaraJakubiak_phBertrandStoflethLYON (Francia) - 25 ottobre 2023 Opera de Lyon. Nel 1911, otto anni prima della première dell’opera, Hugo von Hofmannsthal mostrò a Richard Strauss i primi schizzi di quello che sarebbe stato il libretto della sua nuova opera. Il lavoro creativo svolto tra il librettista e il compositore, iniziato alla fine del 1913 e conclusosi nell'agosto del 1916
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Des Grieux non d l'acqua a Manon
servizio di Rossana Poletti FREE

20231106_Ts_00_ManonLescaut_LanaKos_phFabioParenzanTRIESTE - Teatro Verdi. La Manon Lescaut di Giacomo Puccini, in scena in questi giorni al Teatro Verdi di Trieste, avrebbe potuto essere rappresentata come concerto sinfonico, togliendo cantanti, coro, comparse e tenendo solo la musica. A ragione si afferma da parte degli autorevoli critici musicali che questa è un’opera “sinfonica”
...prosegui la lettura

Vocale
Bella Betulia Liberata
servizio di Simone Tomei FREE

20231105_Ge_00_BetuliaLiberata_DiegoFasolisGENOVA - Un nuovo appassionante concerto per la stagione sinfonica del Teatro Carlo Felice di Genova - all’interno del ciclo “Mozart l’italiano - ha visto l’esecuzione dell’oratorio sacro in due parti La Betulia liberata K.118  di Wolfgang Amadeus Mozart. La commissione di questo lavoro avvenne a Padova dove Mozart fece sosta dopo il successo di Mitridate
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Ottimo Don Carlo
servizio di Nicola Barsanti FREE

20231105_Mo_00b_DonCarlo_JordiBernacer_phLucioAbadMODENA - Reduce dal grande successo riscontrato nell’esecuzione in forma di concerto (avvenuta in epoca pandemica), torna vincente sul palcoscenico del Teatro Comunale di Modena l’opera monumentale di Giuseppe Verdi: Don Carlo. Eseguita nella versione di Milano (che esclude il primo atto nella foresta di Fontainebleau), l’opera mantiene
...prosegui la lettura

Personaggi
Celebrando Corelli si lanciano i giovani
di Simone Tomei FREE

20231101_00_ForteMarmi_KreionPerFrancoCorelliFORTE DEI MARMI (LU) – Premetto che questo scritto non è una recensione bensì il semplice resoconto di un pomeriggio musicale che si è tenuto a Forte dei Marmi nella splendida cornice del Giardino d’inverno di Villa Bertelli. L’Associazione Kreion Versilia di cui sono vice presidente ha organizzato domenica 29 ottobre 2023 - all’interno della sua
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Una Bohme minimalista
servizio di Simone Tomei FREE

20231021_Lu_00_LaBoheme_VittoriaMagnarelloLUCCA - La Bohème di Giacomo Puccini, comunque la si voglia interpretare, è una storia di morte già dal primo atto. La spensieratezza dei quattro spiantati giovani parigini ha il sapore amaro della povertà, delle ristrettezze e di una vita vissuta tra donnine allegre e un po’ d’amor in cui l’instabilità delle relazioni e degli affetti diventa un elemento
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Ovest
Meraviglioso Sogno di una notte
servizio di Simone Tomei FREE

202317_Ge_00_AMidsummerNightSDream_SydneyMancasolaGENOVA - Il Teatro Carlo Felice ha inaugurato la stagione lirica 2023-2024 con il capolavoro di Benjamin Britten scritto nel 1960 con la collaborazione del librettista e suo compagno di vita Peter Pears tratto dall’omonima commedia shakesperiana: A Midsummer Night’s Dream. Non è sicuramente il primo compositore a tradurre in musica quel
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
I Lombardi alla prima crociata
servizio di Angela Bosetto e Nicola Barsanti FREE

20231016_Pr_00_ILombardiAllaPrimaCrociata_MichelePertusi_phRobertoRicciPARMA - Nell’ottica di uno spettatore contemporaneo, I Lombardi alla prima crociata è (insieme alla sua versione francese, Jérusalem) il titolo verdiano forse più problematico da mettere in scena, dal momento che è impossibile ignorare due dati chiave: la nostra concezione delle Crociate è radicalmente cambiata (per quanto il libretto di Temistocle
...prosegui la lettura

Classica
La Creazione dello stupore
servizio di Simone Tomei FREE

20231015_Ge_00_LaCreazione_RiccardoMinasiGENOVA - La creazione del mondo attraverso la musica: ecco l’idea di Franz Joseph Haydn di mettere nero su bianco sullo spartito musicale il monumentale capolavoro Die Schöpfung (La Creazione).  È così che ha preso il via la stagione sinfonica del Teatro Carlo Felice di Genova con un concerto inaugurale dal quale sono uscito mentalmente e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Una Fedora di gran lusso
servizio di Simone Tomei FREE

20231009_Pc_00_Fedora_AldoSisilloPIACENZA - Umberto Giordano rimase folgorato sia da Victorien Sardou - drammaturgo francese -  sia da Sarah Bernhardt quando nel 1889 ebbe modo di assistere al Teatro Bellini di Napoli alla rappresentazione di "Fedora". Alla richiesta di Giordano al commediografo francese di poter musicare il suo capolavoro, la risposta sembra sia stata «Si
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Archos Quartet suona D'Ambrosio
nota di Gianluca La Villa FREE

20231009_To_00_ArchosQuartet_AlfredoDAmbrosioTORINO - Infine giunse a Torino, nella bella sala ricca di spettatori di Palazzo Barolo, domenica 8 ottobre 2023 alle 17, il debutto torinese sia del Quartetto Archos sia della bella pagina di Alfredo D'Ambrosio per il suo Quartetto in Do minore op.42: un debutto in Italia, può dirsi, per questo Quartetto op.42 dato che la sua ultima esecuzione
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Lombardi coinvolgenti con bella regia
servizio di Simone Tomei FREE

_20231008_Pr_00_LombardiAllaPrimaCrociata_MichelePertusiPARMA - Bianco e nero sono due facce della stessa medaglia e ne assumono  significati antitetici: bene e male, buoni e cattivi, vincitori e vinti e così via... È in questo modo che il regista Pier Luigi Pizzi - curatore di regia, scene, costumi e video - ha inteso mettere in scena al Festival Verdi di Parma I Lombardi alla prima crociata, opera giovanile
...prosegui la lettura

Vocale
Commovente Nabucco a Fidenza
servizio di Simone Tomei FREE

20231007_Fidenza_00_Nabucco_GiampaoloBisantiFIDENZA (Pr) - Anche quest’anno il Festival Verdi esce dalle mura storiche del Teatro Regio di Parma e sposta alcune delle produzioni nei Comuni limitrofi della città nell’intento di coinvolgere altre realtà monumentali come il Teatro Magnani di Fidenza, un piccolo gioiello incastonato nella cittadina parmense che, nonostante l’esigua capienza, vanta
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Trovatore non al top
servizio di Nicola Barsanti FREE

20230926_Pr_00_IlTrovatore_RiccardoMassi_phRobertoRicciPARMA - L’ennesima distorsione di uno dei massimi capolavori del Cigno di Busseto che in quest’occasione vede la prima rappresentazione di Il Trovatore nell’ambito del XXIII Festival Verdi di Parma potrebbe essere riassunta con due sentimenti: amarezza e delusione.
Se l’amarezza è dovuta ad una rappresentazione
...prosegui la lettura

Eventi
Il Torrione del jazz riparte
servizio di Athos Tromboni FREE

20230925_Fe_00_JazzClubFerrara_MarcoGulinelliFERRARA -  La 25.ma edizione della stagione del Jazz Club Ferrara si aprirà nel Torrione San Giovanni di Corso Porta Mare 112 venerdì 6 ottobre 2023 e si protrarrà fino al 30 aprile 2024. Oggi è stato reso noto dal presidente Federico D’Anneo e dal direttore artistico Francesco Bettini alla presenza dell’assessore alla Cultura del Comune di Ferrara, Marco Gulinelli
...prosegui la lettura

Classica
Ottime voci per il Verdi sacro
servizio di Nicola Barsanti FREE

20230925_Pr_00_VerdiRequiem_OksanaLyniv_phRobertoRicciPARMA - Terrore e dubbio: i caratteri salienti della Messa da Requiem di Giuseppe Verdi.
La direzione di questo capolavoro sinfonico-corale è affidata al direttore ucraino Oksana Lyniv che nella prima parte, fino al terzetto Quid sum miser  trasmette ad hoc l’intensità drammatica della partitura, mentre assume un carattere meno intenso e quasi
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Ares Tavolazzi riceve il premio Tutte le Direzioni
redatto da Athos Tromboni FREE

20230923_Fe_00_TutteLeDirezioni_AresTavolazziVIGARANO MAINARDA (FE) - «Seduto in quel caffè io non pensavo a te e tutta la città…» è una parafrasi in questo caso; ma qui, questa, che è una delle più belle canzoni di Lucio Battisti e Mogol ci può stare, perché proprio il 29 settembre torna al Ristorante Spirito di Vigarano Mainarda la grande musica dal vivo: prende il via infatti la nuova stagione di
...prosegui la lettura

Vocale
Ottimo recital di Lise Davidsen
servizio di Ramn Jacques FREE

20230920_00_LosAngeles_LiseDavidsen_phBenGibbsSANTA MONICA, California 17 settembre 2023 - Il giovane soprano norvegese Lise Davidsen ha debuttato a Los Angeles sul palco del Teatro Broadstage, situato nel sobborgo  di Santa Monica, il cui ciclo intitolato 'Celebrity Opera Recital Series' si è consolidato negli anni come tappa imprescindibile, quasi obbligata, per la presentazione,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La ricca stagione del Bonci
redatto da Edoardo Farina FREE

20230910_Cesena_00_TeatroBonci_ValterMalostiCESENA - Conferenza stampa del Teatro Comunale “Alessandro Bonci“ in data 7 settembre 2023: è stata definita la programmazione della stagione invernale 2023/2024 caratterizzata da un’ ampia scelta intesa come luogo di confronto, esplorazione e dialogo, ovvero filtro e racconto del nostro vivere, offrendo ancora una volta una visione
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Tre donne tre stelle: Pirozzi, Grigorian, Stikhina
servizio di Simone Tomei FREE

VERONA - Ho frequentato il Festival "Arena 100" della città scaligera solo verso il concludersi della stagione estiva 2023. Sono arrivato a Verona agli inizi di settembre ed in questo scritto vi do conto delle mie tre serate areniane.
20230905a_Vr_02_Tosca_AnnaPirozzi_EnneviFotoTOSCA – Venerdì 1 settembre 2023
Il consueto allestimento del regista Hugo de Ana
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310