Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Dopo Modena e Ferrara anche Lucca ospita l'opera di Giuseppe Verdi secondo Fabio Sparvoli

Gilda nella gabbia di Rigoletto

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 18 Gennaio 2020

200118_Lu_00_Rigoletto_DevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoniLUCCA - Rigoletto di Giuseppe Verdi approda al Teatro del Giglio in una coproduzione realizzata con la Fondazione Teatro Comunale di Modena e con la Fondazione Teatro Comunale di Ferrara. Un allestimento la cui realizzazione sembra andare nell'ottica della sottrazione (nella lettura delle didascalie testuali) depurando scene e costumi per una visione di primo acchito minimalista; con il dipanarsi della narrazione ecco che tale sottrazione si sostituisce a mano a mano all'invenzione e quindi ad una visione del libretto e della drammaturgia sempre più distante da quello che Francesco Maria Piave aveva scritto per rendere in versi il romanzo di Victor Hugo.
Saper depurare e rimanere "credibili" nel risultato è arte, inventare spesso diventa un pretesto, stravolgere talvolta porta alla ”abbominazione” (o all’esaltazione della genialità, ma non è il nostro caso).
In questo contesto, la regia di Fabio Sparvoli sembra prendere il peggio di ogni situazione trasformando i tre atti in una visione che fatica a rispecchiare ciò che parole e musica vogliono comunicarci. La casa di Rigoletto è raffigurata come una  gabbia per uccelli (che si frantuma al momento del rapimento) in cui entrano ed escono i protagonisti in maniera alquanto frenetica e confusa; il secondo atto (il salone del Duca) è adornato solo da sedie sparse e ribaltate mentre nel terzo nulla ci viene suggerito per farci addentrare sulle rive del fiume Mincio. Qui troviamo solo uno scarno tavolino e qualche albero stilizzato e rarefatto che non riescono a comunicare per nulla l'essenza dei fatti: Gilda per farsi annunciare nella casa di Sparafucile batte i ripetuti colpi a vuoto nell'aria. Il tutto è condito da una regia (ora intesa come interazione tra i personaggi) quasi inesistente cui si sommano le già citate liquefatte scene di Giorgio Riccheli e i costumi di dubbio gusto di Alessio Rosati; concludo con le luci di Vinicio Cheli che sembra vogliano sempre mettere in risalto ciò che dovrebbe stare in ombra, o se vogliamo, mettere in ombra ciò che meriterebbe di essere reso più luminoso.
Un allestimento che fa ricordare un famoso detto veneto voria, ma no poso, ove la sottrazione (probabilmente per poca disponibilità di mezzi finanziari) ha portato alla necessità di un riempimento ahimè! di dubbio gusto. Su questa testata potrete trovare qui anche un altro punto di vista in merito a questo allestimento.
Sotto l'aspetto musicale la concertazione del M° Aldo Sisillo si è rivelata piuttosto farraginosa, frastagliata e con tempi sostanzialmente lenti ai limiti dell'imbarazzo per gli interpreti; le frequenti ed immotivate pause di sospensione non hanno favorito un fluente discorso musicale.

200118_Lu_01_Rigoletto_facebook_phRolandoPaoloGuerzoni

Riguardo alle dinamiche la sensazione che maggiormente ho respirato è stata quella della pesantezza; gli strumenti dell'Orchestra Filarmonica Italiana difficilmente hanno tratto dal podio l'eleganza ed il gusto del piano o del mezzo forte traducendo lo spartito in una valanga di suono per lo più incontrollata ed ingiustificata.
Non male il Coro lirico di Modena preparato dal M° Stefano Colò.
Il tenore Oreste Cosimo si disimpegna nel ruolo del Duca di Mantova con sicumera e alterigia risolvendo più che dignitosamente il rigo musicale; lo squillo è sonoro e argentino e la capacità di dosare la voce in piacevoli nouances hanno impreziosito la sua interpretazione.
Devid Cecconi, baritono toscano, nel ruolo eponimo è un mattatore della scena sapendo ben tradurre con taluni gesti i molteplici aspetti del carattere del giullare di corte; non è troppo marcato il goffo incedere, ma spesso gli sguardi e qualche opportuna movenza delle braccia aiutano a delineare con arguzia le sue particolarità. Vocalmente ha trovato la quadra del cerchio tra un canto più irruente ed un'emissione più morbida; ecco quindi che le frasi rivolte a Gilda nel primo atto sono piene di sentimento protettivo (talora severo, talora paterno), mentre nei momenti di invettiva (per esempio il “Cortigiani” o la “Vendetta”) il canto diventa pastoso e nerboruto, ma sempre calibrato con opportune dinamiche più rarefatte quale segno di remissione o sgomento. Mi ha emozionato il suo pronunciare le parole Gilda, mia Gilda prima dello strazio finale dove con l’enfasi di un canto parlato, si è percepita la sintesi dell’uomo tradito dal suo stesso destino (o per i superstizioni, dalla maledizione).
Encomio senza se e senza ma per il soprano Daniela Cappiello che riesce a dipanare con voce quasi eterea la virginale passione per il suo Gualtier Maldé; la sua Gilda nel primo atto colora ogni frase con eleganza e musicalità riuscendo (nonostante i tempi impossibili dell’orchestra soprattutto nel duetto con il tenore e poi a seguire nell’aria del primo atto) a restituire quella freschezza che le è propria. Ecco quindi che il Caro nome diventa un quadro iridescente mentre il finale del secondo e del terzo atto, pur nella leggiadria di una vocalità cristallina, possono godere di quel morso più tenace che corona una serata di grande spolvero.
Ottima la Maddalena di Antonella Colaianni che sa emergere grazie ad un timbro brunito e ben proiettato imperlati da una provocante presenza scenica.
Voce interessante quella di Ramaz Chikviladze che nei panni del sicario Sparafucile sa mettere in luce una gamma sonora di gran pregio.
Fellipe Chiriacò è un deludente Monterone con voce completamente ingoiata e poco incline all’intonazione.

200118_Lu_02_Rigoletto_DanielaCappielloDevidCecconi_phRolandoPaoloGuerzoni

Completavano il cast una brava Barbara Chiriacò (Giovanna), un brillante Raffaele Feo (Matteo Borsa); un vocalmente debole Romano Franci (Marullo), un preciso Stefano Cescatti (Conte di Ceprano), Maria Komarova (Contessa di Ceprano), Paolo Marchini (Un usciere di corte) e Matilde Lazzaroni (Un paggio della Duchessa).
La sera del 17 gennaio 2020 un teatro gremito ha reso omaggio a tutta la compagnia con caldi applausi.

Crediti fotografici: Paolo Rolando Guerzoni per la coproduzione Modena-Ferrara-Lucca di Rigoletto
Nella miniatura in alto: il baritono Devid Cecconi (Rigoletto)
Al centro: la "gabbia" di Gilda (Daniela Cappiello) nel primo atto dell'opera
Sotto: ancora Daniela Cappiello con Devid Cecconi nel secondo atto dell'opera






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Ecco la Carmen venuta da Ravenna
intervento di Athos Tromboni FREE

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Classica
Muti e le Dogan che messaggio!
servizio di Attilia Tartagni FREE

200705_Ra_00_LeVieDellAmicizia_RiccardoMuti_phSilviaLelliRAVENNA - Minacciato da una pioggia leggera fattasi rapidamente più insistente, il 3 luglio 2020 si è consumato alla Rocca Brancaleone l’evento cardine del Ravenna Festival, dopo una sosta proclamata dal  M° Riccardo Muti. Il concerto  “sulle vie dell’Amicizia”, l’appuntamento più atteso,  è stato dedicato quest’anno alla Siria, paese in sofferenza
...prosegui la lettura

Classica
Fischer e la Prohaska che meraviglia
servizio di Attilia Tratagni FREE

200704_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra_IvanFischer_phMarcoBorggreveRAVENNA - Quanto è bello assistere di nuovo a un concerto live, con i musicisti della Budapest Festival Orchestra schierati sul palco e il loro direttore d’orchestra Ivàn Fischer di cui si può seguire ogni gesto, e ciò anche se la Rocca Brancaleone è un’arena limitata rimpicciolita ulteriormente dai distanziamenti previsti dalle norme anticovid!
...prosegui la lettura

Vocale
La Resurrezione come spettacolo e simbolo
servizio di Athos Tromboni FREE

200702_Fe_00_LaResurrezione_AlessandroQuarta_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Dopo Leonardo da Vinci, ecco Händel. Ci riferiamo al Teatro Comunale "Claudio Abbado" che aveva inaugurato la fase post-confinamento con una serata dedicata al genio toscano, il 15 giugno scorso, animata da Vittorio Sgarbi, con musiche dal vivo di e con Valentino Corvino. E poi il 1° luglio sulle tavole del massimo teatro
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Schicchi morto di Covid-19
servizio di Nicola Barsanti FREE

200701_TorreDelLago_00_GianniSchicchi_JhonAxelrod _phLorenzoMontanelliVIAREGGIO – Nella cornice della Cittadella del carnevale di Viareggio, il 66° Festival Puccini di Torre Del Lago è iniziato ufficialmente con Gianni Schicchi, l’ultima parte del Trittico pucciniano.  Significativo il fatto che l’opera in questione sia stata composta durante la terribile influenza spagnola che fece milioni di vittime (fra cui la sorella del
...prosegui la lettura

Classica
Musica antica con Dantone e Rossi Lrig
servizio di Attilia Tartagni FREE

200701_Ra_00_MusicaAntica_OttavioDantone_phGiuliaPapettiRAVENNA - Difficile ipotizzare un’interpretazione migliore di quella dell’Accademia Bizantina il 24 giugno 2020 alla Rocca Brancaleone dI Il trionfo del tempo e del disinganno, l’oratorio che Georg Friedrich Händel  compose nel 1707 a ventidue anni e sul quale lavorò mezzo secolo approntandone diverse versioni tra il 1737 e il 1757; nel
...prosegui la lettura

Eventi
Tempo d'Estate a Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200629_Fe_00_TempoDEstate2020_MarcoGulinelliFERRARA - È stato presentata oggi alla stampa la rassega «Tempo d'estate a Ferrara», ricchissimo cartellone di iniziative predisposto tra giugno e settembre dall'Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara e dalla Fondazione Teatro Comunale di Ferrara, una manifestazione polivalente (nel senso che propone tutti i generi di spettacoli musicali,
...prosegui la lettura

Concorsi e Premi
Premio Storchio a Angelo Manzotti
FREE

200624_Mn_00_PremioStorchioAManzottiMANTOVA - Vivissimo successo domenica 21 giugno 2020 alla Rocca Palatina di Gazoldo degli Ippoliti del concerto "Omaggio alla carriera del sopranista Angelo Manzotti", nel quadro delle attività culturali della Associazione Postumia. Elegantemente accompagnato al pianoforte da Laura Gatti, il cantante mantovano ha interpretato magistralmente
...prosegui la lettura

Libri in Redazione
Giulio Neri il dimenticato indimenticabile
recensione di Paolo Padoan FREE

200618_Libri_00_GiulioNeriIlBassoDellOperaGiovanni Marchisio
GIULIO NERI il Basso dell'Opera
Editrice Rugginenti Milano 2020, pp. 300 Euro 21,90
Gli amanti del melodramma, ma ancor più i critici, gli storici, i cultori dovrebbero sentire il dovere morale di ricordare coloro, fra cantanti o direttori d’orchestra,
...prosegui la lettura

Eventi
Ravenna Festival alla Rocca Brancaleone
redatto da Attilia Tartagni FREE

200618_Ra_00_RavennaFestival_RiccardoMutiRAVENNA - Dopo lo stop impresso dal COVID-19 all’economia e alla vita sociale, spettacoli compresi, il Ravenna Festival è fra i primi a ripartire con un viaggio interdisciplinare di oltre 40 eventi dal 21 giugno al 30 luglio 2020. Certamente i protocolli di sicurezza hanno inciso sulla programmazione, riducendo il programma originale ma
...prosegui la lettura

Eventi
Ferrara riparte dal Rinascimento
servizio di Athos Tromboni FREE

200615_Fe_00_TeatroComunaleFerrara_RescaMarioFERRARA - Il Teatro Comunale "Claudio Abbado" è fra i primi (se non il primo in assoluto) a riaprire al pubblico con uno spettacolo dal vivo, proprio il primo giorno utile della fase 2 post-Coronavirus: il tardo pomeriggio di oggi 15 giugno 2020, infatti, vede alle ore 18 l'inaugurazione della mostra di locandine e manifesti storici «La pelle del teatro
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
In chordis et plectro
recensione di Edoardo Farina FREE

200601_Dischi_00_GiulioTampalini_CopertinaCDL’ultimo lavoro discografico dell’Orchestra a plettro “Gino Neri” di Ferrara, In chordis et plectro - Viaggio nella musica per chitarra e orchestra a plettro - distribuito dall’etichetta “Movimento Classical”, intende offrire un’esperienza di ascolto originale relativa a un ampio ventaglio di composizioni appartenenti a stili e periodi diversi, accomunati dal fatto di
...prosegui la lettura

Dischi in Redazione
Il doublebass di Valentina
recensione di Simone Tomei FREE

200607_00_Dischi_ValentinaCiardelliCopertina1CD audio “Music from the Sphinx”
Valentina Ciardelli contrabbasso, Alessandro Viale pianoforte
musiche di Ciardelli, Granados, Puccini, Schubert, Serra, R.Strauss, Tabakov, Viale, Zappa
Da Vinci Classics

Concettualmente la Sfinge
...prosegui la lettura

Eventi
Anna Maria Chiuri canta per Piacenza
intervista di Simone Tomei FREE

200423_Pc_00_Pc_AnnaMariaChiuri_ritrattoPIACENZA - Aprile 2020. Nel corso di un pomeriggio domenicale, mentre cerco di godere di qualche timido raggio di sole in questi giorni di “quarantena”, scambio alcuni messaggi con il mezzosoprano Anna Maria Chiuri. Visto che la conversazione si protrae e diventa ben più corposa di un semplice scambio di saluti e amenità,
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
La Benedizione di San Francesco
servizio di Athos Tromboni FREE

200411_00_PreghieraASanFrancesco_FeliciaBongiovanniBOLOGNA - In tempo di Covid-19 gli artisti sono fermi a casa. Come tanti di noi. Questo limita ma non impedisce la loro creatività, né il loro contributo, con i mezzi possibili, alla socializzazione della loro arte. È il caso del soprano Felicia Bongiovanni; durante una conversazione telefonica la Bongiovanni ci ha spiegato quello che ha fatto nel periodo pasquale di
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310