Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Il capolavoro pucciniano brilla sotto la bacchetta del maestro Daniele Callegari

La bella Bohème di Monte Carlo

servizio di Simone Tomei

Pubblicato il 28 Gennaio 2020

200128_MonteCarlo_00_LaBoheme_IrinaLungu_phAlainHanelMONTE CARLO - Un inizio di anno 2020 sontuoso alla Salle Garniér dell’Opéra di Montecarlo nel solco del grande repertorio pucciniano per il proseguire della stagione monegasca 2019-2020. L’allestimento de La Bohème di Giacomo Puccini porta la firma registica di Jean-Louis Grinda con una produzione che va nella direzione della più marcata tradizione. Si tratta di una coproduzione con l’Opera Reale di Muscat (Oman) dove ha avuto i suoi albori nel settembre scorso.
Gli ambienti sembrano portarci in una Parigi del Novecento già inoltrato e tra proiezioni ed una scenografia (curata da Rudy Sabounghi) tendenzialmente lineare e squadrata, vengono ricostruiti gli ambienti del dramma pucciniano in maniera non propriamente poetica e sentimentale, come mi sarei aspettato.
Lo scoppiettante secondo atto, degno di una Parigi festante, smorza un po’ quel tono sottomesso degli altri quadri e nonostante qualche coup de theâtre realizzato dai video sul fondale, tutto sembra dipanarsi in una ordinarietà tendenzialmente poco entusiasmante.
Un aiuto nel trovare qualche afflato di suggestione è arrivato da Laurent Castaingt che gestisce l’impianto luci in maniera davvero funzionale ed esegetica del racconto. Il lavoro di interazione tra i protagonisti risente un poco di questa “freddezza” di fondo che ha suscitato in me la visione ed a tratti pare che manchi proprio un’idea folgorante che dia quel senso di originalità ad uno spartito che, seppur nella più scontata popolarità, riesce comunque ad emergere in maniera dirompente.
E se la "mano musicale” è quella del M° Daniele Callegari il risultato è quasi prevedibile; conferisce ad ogni nota la sua teatralità e non lascia mai orfana la voce del sostegno e del respiro necessari ad un’emissione serena e sostenuta.

200128_MonteCarlo_01_LaBoheme_MiriamBattistelli_phAlainHanel 200128_MonteCarlo_02_LaBoheme_IrinaLungu_phAlainHanel
200128_MonteCarlo_03_LaBoheme_AndekaGorrotxategi_phAlainHanel 200128_MonteCarlo_04_LaBoheme_AndekaGorrotxategiDavideLuciano_phAlainHanel

La precisione e la brillantezza dei colori del Café Momus del secondo quadro mettono in luce una bacchetta esperta e scevra da manierismi di tradizione, nel conferire il senso di baldanzosa eleganza ad un momento musicale che spesso potrebbe concludere in una “caciara”. Non da meno lo struggente terzo quadro è stato denso di sfumature melodiche che hanno incorniciato gli eventi drammaturgici in un insieme di rara bellezza.
Indispensabile è stato l’apporto della professionalità dell’Orchestra Philharmonique di Montecarlo e del Coro (diretto e preparato dal M° Stefano Visconti), per coronare un pomeriggio musicale di gran pregio.
Elegante la Mimì di Irina Lungu che disegna un personaggio vocalmente completo con un’elegante proprietà di fraseggio; il canto è suadente, morbido, legato e la cura delle intenzione mira a mettere in rilievo ogni sfaccettatura del carattere della giovane fioraia. Un personaggio che evolve nella consapevolezza della morte e la cui vocalità muta con il dipanarsi dei quadri verso una vis sempre più drammaturgicamente accorata.
Affascinante, frizzante ed ammaliante la Musetta dell’etiope Miriam Battistelli; ha cantato con gusto, con brio senza mai scadere nel volgare e nel caricaturale, risolvendo l’aria del secondo atto (Quando m’en vo) in maniera eccelsa.
Andeka Gorrotxategi nel ruolo di Rodolfo ha manifestato qualche asperità nel registro più acuto dove il suono era talvolta privo di proiezione e piuttosto ancorato alla gola; ne sono discesi una proiezione non ottimale ed un fraseggio piuttosto latente.
Dalle “scorribande” rossiniane si affaccia al repertorio pucciniano anche il baritono beneventano Davide Luciano: la sua bravura scenica è indiscussa e sa vestire anche i panni più “mesti” e seriosi del pittore bohémien Marcello con la stessa naturalezza dei “pazzi” personaggi del pesarese. La voce è un piacere per l’orecchio ed il suono, grazie alla sua luminosità, è sempre nitido e ben proiettato.
Altro asso della produzione è Nicolas Courjal (Colline) che oltre a cesellare un personaggio davvero completo scenicamente, esalta la platea con una Vecchia zimarra da sogno dove le struggenti parole sono impreziosite da un’emissione curata nel fraseggio e nelle intenzioni, evidenziando una grande empatia con lo spartito.

200128_MonteCarlo_05_LaBoheme_facebook_phAlainHanel

Bene anche per lo Schaunard del baritono russo Boris Pinkhassovitch.
Completavano egregiamente il cast: Fabrice Alibert (Benoît), Guy Bonfiglio (Alcindoro), Vincenzo Di Nocera (Parpignol), Vincenzo Cristofoli (Un sergente) e Fabio Bonavita (Un doganiere).
Domenica 26 gennaio 2020 teatro completamente esaurito ed ovazioni sentite per tutti.

Crediti fotografici: Alain Hanel per il Teatro dell'Opera di Monte Carlo
Nella miniatura in alto: Il soprano Irina Lungu splendida interprete del ruolo di Mimì
Al centro in sequenza: Miriam Battistelli (Musetta); ancora Irina Lungu; Andeka Gorrotxategi (Rodolfo); e ancora Andeka Gorrotxategi con Davide Luciano (Marcello)
Sotto: scena del primo quadro con i bohèmien protagonisti della burla a Benoît (Fabrice Alibert)






< Torna indietro

Dal Nord-Ovest Dal Nord-Est Dal Centro-Nord Dal Centro e Sud Dalle Isole Dall' Estero


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
«In scena con energia e passione»
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sì rara qualità
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale è iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310