Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

L'opera di Bizet resa bella da due emergenti: il baritono-regista Micheletti e il direttore Ovodok

Ecco la Carmen venuta da Ravenna

intervento di Athos Tromboni

Pubblicato il 08 Febbraio 2020

200208_Fe_00_Carmen_MartinaBelli_phZaniCasadioFERRARA - Un successo annunciato, quello della Carmen di Georges Bizet proveniente dal Teatro Alighieri di Ravenna dove era andata in scena quale ultimo spettacolo della “Trilogia d’Autunno” nel novembre scorso. Si sapeva che il regista Luca Micheletti era un giovane baritono interprete anche del ruolo di Escamillo (peraltro non in scena a Ferrara nel Teatro Abbado dove ha lasciato il posto al collega Andrea Zaupa, limitandosi a fare la regia già proposta a Ravenna); si sapeva che il pubblico romagnolo aveva accolto quella regia con lunghi applausi e ovazioni, replicate qui dal pubblico ferrarese; si sapeva che nel ruolo eponimo aveva brillato una giovane promessa (promessa già mantenuta, diciamo oggi) che risponde al nome di Martina Belli.
Tutto questo si sapeva. E concordiamo con quanto scrisse a novembre la nostra corrispondente Attilia Tartagni da Ravenna a proposito della regia di Micheletti: «La Carmen spalanca, nell’ambito ristretto del palcoscenico, vastissimi scenari popolari spagnoli tutt’altro che folkloristici, specie nei festeggiamenti della corrida del terzo atto. La cifra stilistica è noir  “intima e oscura”, vibrante di magico realismo e si configura come uno scavo nella psicologia dei personaggi e nella alterità di ambienti dove la libertà, da trasgressione, si fa rivoluzione ed eversione.»
Vogliamo aggiungere che sì, ok, si è trattato di una regia cosiddetta “moderna” perché in scena e nei costumi (salvo quelli dei ragazzini e delle ragazzine del Coro di voci bianche) non si intravedeva nulla che assomigliasse alla Spagna ottocentesca descritta nel libretto di Henri Meilhac e Ludovic Halévy: però questa regia ha focalizzato lo “spirito” dell’opera e dei personaggi e anziché stravolgerli – come capita di vedere spesso nelle regie moderne – ne ha potenziato i tratti psicologici in perfetta coerenza con i contenuti musicali e letterari.
Carmen è risultata così l’antesignana vera, nella funzione scenica e nella caratterizzazione voluta dal regista, di personaggi femminili che sono venute dopo di lei e che hanno impresso il teatro, la letteratura, il cinema, delle loro personalità molto coerenti con la “Carmencita” bizetiana: si pensi ad esempio a Madame Bovary di Flaubert, o al personaggio femminile del romanzo “Una donna” di Sibilla Aleramo, o alla caratterizzazione trasgressiva di Ada nel film “Novecento” di Bernardo Bertolucci, e su su fino al terzo millennio con figure letterarie come la Lila Cerullo del romanzo-monstre “L’amica geniale” di Elena Ferrante e le protagoniste dei romanzi-best sellers della scrittrice spagnola Clara Sanchéz.
Dunque per un ruolo così pieno di riferimenti psicologici post-personaggio serviva un’attrice e una cantante dalle doti eccezionali: così si è rivelata Martina Belli la cui capacità di recitare in perfetto francese le parti senza musica volute da Bizet (opera-comique, la Carmen, non lo si deve dimenticare mai, neanche quando viene allestita con i parlati che diventano recitativi accompagnati per la “revisione” di Ernest Giraud avvenuta dopo la morte del compositore) e anche di cantare le parti musicate (dichiarate all’epoca “ineseguibili” da parte dell’impresario e delle cantanti chiamate ad interpretarle) senza timore alcuno. Ed è stata lei ad essere accolta, a fine spettacolo, dalle ovazioni interminabili del pubblico di Ferrara.

200208_Fe_01_Carmen_panoramica_phZaniCasadio

Né da meno si è mostrata l’altra protagonista femminile, Elisa Balbo nel ruolo di Micaëla, dove il gesto scenico impresso nell'atteggiamento del timore, caratteristica del personaggio, ha offerto quell'immagine visiva che ben s’accompagnava alla sua emissione morbida, ricca di sfumature e risonanze, intonazioni perfette, timbro chiaro, vocalità da soprano lirico.  
Ottimo il Don José di Antonio Corianò, un tenore dallo squillo perentorio ma anche dalle belle sensualità espressive della mezza voce e del canto in falsetto; credibile la sua recitazione nella lingua francese del parlato; e ancora più credibile il suo francese nel canto espresso in scena.
Autorevole, sia vocalmente, sia attorialmente, l’Escamillo del baritono Andrea Zaupa, voce brunita e imperiosa che secondo noi si presta anche per i ruoli di basso cantante del repertorio caratteristico di fine Settecento e metà Ottocento.
Sensuali (anche nella danza) e brave le due altre protagoniste, Alessia Pintossi (Frasquita) e Francesca di Sauro (Mercédès).
Ottimo il resto del cast: Rosario Grauso (Le Dancaïre), Riccardo Rados (Le Remendado), Christian Federici (Moralès), Adriano Gramigni (Zuniga), l’attore-mimo Ivan Merlo (Lillas Pastia), Luca Massaroli (Andrès), Ken Watanabe (Un bohèmien), Yulia Tkacenko (Une merchande).
Ottime le luci di Vincent Longuemare, essenziali le scene di Ezio Antonelli, senza lode e senza infamia i costumi di Alessandro Lai.
A nostro avviso, però, la rivelazione della serata è stata la direzione del maestro Vladimir Ovodok, sul podio dell’eccellente Orchestra Giovanile Luigi Cherubini: Ovodok è nato a Minsk, capitale della Bielorussia, ma si è formato principalmente in Germania; la sue recenti partecipazioni alla master-class di Riccardo Muti a Ravenna lo hanno fatto conoscere ed apprezzare sia dal pubblico della città degli esarchi, sia dal pubblico della città estense. Lui è un direttore musicalissimo, attento al particolare, tutto raziocinio, dal gesto tranquillo: si direbbe caratterialmente l’opposto del suo maestro Muti. Non sappiamo se sia così o se sia una nostra fuorviante interpretazione del suo gesto direttoriale. Sappiamo però che di Muti ha saputo esprimere in maniera eccellente il polso nel condurre l’orchestra e gestire in maniera generosa il suo rapporto col palcoscenico nel dare le indicazioni ai cantanti e al coro. La musica che ha ricavato dalla formidabile compagine giovanile ha esaltato la partitura di Georges Bizet e a nostra memoria non ricordiamo una Carmen che ci sia musicalmente piaciuta come ci è piaciuta quella udita a Ferrara (udita, passato prossimo del verbo udire, lo usiamo a proposito; al posto di vista, passato prossimo del verbo vedere), perché è stata una Carmen molto molto bella anche nella concertazione.

200208_Fe_02_Carmen_MartinaBelliAntonioCoriano_phMarcoCaselliNirmal 200208_Fe_03_Carmen_ElisaBalboAntonioCoriano_phZaniCasadio

200208_Fe_04_Carmen_panoramica_facebook_phMarcoCaselliNirmal

Per completare il quadro delle citazioni, diremo che il Coro Luigi Cherubini rinforzato dal Coro Lirico Marchigiano "Vincenzo Bellini" è stato ottimamente preparato da Antonio Greco; che il coro di voci bianche "Ludus Vocalis" istruito da Elisabetta Agostini è stato molto bravo e che sono stati eccellenti i danzatori e le danzatrici di DanzActori Trilogia d’Autunno diretti da Lara Guidetti.
Meritati gli applausi e le ovazioni del pubblico.
(La recensione si riferisce allo spettacolo di venerdì 7 febbraio 2020)

Crediti fotografici: Zani-Casadio e Marco Caselli Nirmal per il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: la protagonista Martina Belli (Carmen)
Sotto: una panoramica del primo atto
Al centro in sequenza: ancora Martina Belli con Antonio Corianò (Don José); e Corianò con Elisa Balbo (Micaëla)
In fondo: panoramica sull’ultimo atto, la festa e l’esultanza per il toreador






< Torna indietro


Parliamone
Progetti e proponimenti per il dopopandemia
redatto da Athos Tromboni FREE

201211_Fe_00_MoniOvadiaFERRARA - Teatro Comunale Claudio Abbado... lo spirito con il quale i promotori della conferenza stampa (tenutasi oggi, 11 dicembre 2020, nella Sala degli Arazzi della residenza municipale) per la presentazione del "teatrante" (come egli stesso si definisce)  Moni Ovadia quale nuovo direttore del principale teatro ferrarese, sembra essere quello dell'autunno 1989 quando, al Museo Poldi Pezzoli di Milano, venne presentato il "Progetto Abbado" dall'allora sindaco di Ferrara, Roberto Soffritti, insieme al management del Comunale e allo stesso direttore d'orchestra. Così nacque Ferrara Musica, associazione tuttora attiva, affiancata al Teatro - ma con una sua specifica autonomia - nella programmazione degli eventi concertistici in terra estense.
Quell'autunno 1989 e il decennio successivo videro lievitare l'interesse dei ferraresi
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Ballo and Bello
Palpebra transustanziazione profana
servizio di Athos Tromboni FREE

201020_Fe_00_Palpebra-CollettivOCineticO_FrancescaPennini_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Tre giorni, sei spettacoli. Alla Sala della musica del Chiostro di San Paolo, il CollettivO CineticO ha presentato in anteprima mondiale il suo ultimo spettacolo di danza, Palpebra - site specific parte della ricerca «Esercizi di pornografia vegetale», secondo appuntamento del festival di danza contemporanea del Teatro Comunale "Claudio Abbado"
...prosegui la lettura

Pagina Aperta
Anfols lancia l'allarme
FREE

201016_Roma_01_ComunicatoAnfols_FrancescoGiambrone.JPGROMA - Allarme dell’Associazione Nazionale Fondazioni lirico-sinfoniche (ANFOLS) per le ricadute dell’emergenza sanitaria sui teatri d’opera. Nel 2021 minori incassi per oltre 60 milioni di euro dal botteghino. L'Anfols chiede adeguati interventi economici che permettano di proseguire le attività e la missione di servizio pubblico per le Fondazioni
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Aterballetto stavolta ha fatto centro
servizio di Athos Tromboni FREE

201010_Fe_00_AterballettoDonJuan_JohanIngerFERRARA - Aterballetto con Don Juan stavolta ha fatto centro. Questa lunga opera in danza, inventata dal coreografo ed ex ballerino Johan Inger sulla figura letteraria di Tirso de Molina, di Molière, di Bertold Brecht e dell’opera teatrale di Suzanne Lilar, è molto piaciuta al pubblico ferrarese e non c'è dubbio che essa rappresenta una coreografia che
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Domingo fa anche Nabucco
servizio di Nicola Barsanti FREE

201008_Fi_00_Nabucco_PaoloCarignaniFIRENZE – La florida attività del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino offre un cartellone denso di appuntamenti imperdibili, il che, considerando il difficile periodo attuale, lo rende uno dei teatri più attivi d’Europa. Fra cast stellari e artisti di fama internazionale, il Maggio promette una stagione ricca di emozioni e, insieme, lancia un messaggio di
...prosegui la lettura

Eventi
Ripartire da Pollini
servizio di Athos Tromboni FREE

200930_Fe_00_StagioneFerraraMusica2020-2021_FrancescoMicheliFERRARA - Ripartire da Maurizio Pollini dopo il periodo di confinamento della musica (e della vita di tutti) è segno benaugurale per la stagione 2020/2021 di Ferrara Musica, perché nelle sue due altre apparizioni nel cartellone del Teatro Comunale (1999, recital pianistico; e 2012,  concerto per pianoforte e orchestra, sul podio Claudio Abbado
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Le 'Trame Sonore' di Padmore
servizio di Laura Gatti FREE

200922_Mn_00_MarkPadmoreRecitalMANTOVA - Largo spazio a Ludwig van Beethoven, nel 250° anniversario della nascita, al festival 'Trame Sonore' svoltosi dal 4 al 6 Settembre 2020 a cura dell’Orchestra da Camera di Mantova. Oltre alle splendide esecuzioni che hanno visto protagonista il celebre pianista Alexander Lonquich (di particolare rilievo
...prosegui la lettura

Eventi
Il 'range' da Shakespeare a Dario Fo
servizio di Athos Tromboni FREE

200921_Fe_00_StagioneDiProsa2020_MarioRescaFERRARA - Il presidente del Teatro Abbado, Mario Resca (in collegamento Zoom da Milano), gli assessori comunali Marco Gulinelli (Cultura) e Matteo Fornasini (Turismo), insieme a Marino Pedroni e Marcello Corvino hanno presentato oggi alla stampa la nuova Stagione di Prosa 2020/2021 che si articola in quattordici titoli
...prosegui la lettura

Personaggi
ŦIn scena con energia e passioneŧ
intervista di Ramón Jacques FREE

200920_Personaggi_00_MariangelaSicilia_phLorenzoPoliIn questa interessante conversazione il soprano Mariangela Sicilia Ci racconta della sua carriera, del suo repertorio e ci dà alcune sue riflessioni di come concepisce il canto e la situazione attuale.
Mariangela Sicilia, come ti sei avvicinata al canto? Perché hai scelto di diventare una cantante lirica?
...prosegui la lettura

Ballo and Bello
Tredici danze sul mutamento
FREE

200920_Fe_00_FestivalDanzaContemporanea2020_MarinoPedroniFERRARA - Mutevolmente in atto. Incertezze, perdita di punti di riferimento, nuovi modi di comunicare e di connettersi al mondo. Il 2020 è l’anno in cui tutto è cambiato. Come recepisce questo mutamento il mondo della danza contemporanea? La nuova Stagione di danza si apre, come di consueto, con il Festival di Danza Contemporanea, a cura
...prosegui la lettura

Eventi
Muti unisce Ravenna Bologna e Ferrara
servizio di Athos Tromboni FREE

200915_Bo_00_ConcertoMutiOrchestraCherubini_TizianaFerrari.JPGBOLOGNA - La necessità di contrastare anche sul piano delle attività culturali (oltre che sanitario) la pandemia da Covid-19 è stata richiamata da tutti gli interventi dei relatori nella conferenza stampa svoltasi presso Confindustria Emilia, durante la quale è stato presentato il doppio appuntamento concertistico (Bologna PalaDozza e
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Elisir di lunga vita di sė rara qualitā
servizio di Athos Tromboni FREE

200913_Fe_00_LElisirDAmore_DaveMonaco_phElisaCatozziFERRARA - Una bella edizione di L'elisir d'amore ha aperto ufficialmente la stagione lirica del Teatro Comunale 'Claudio Abbado'. Due date, 11 e 12 settembre 2020, hanno segnato una sostanziale anticipazione del cartellone prossimo venturo (di cui non si sanno ancora i titoli), cartellone che negli ultimi anni si apriva con una anteprima a dicembre
...prosegui la lettura

Vocale
Plácido Domingo per l'Arena
servizio di Angela Bosetto FREE

200911_Vr_00_PlacidoDomingoPerLArena_EnneviFotoVERONA – Quello fra Plácido Domingo e l’Arena è un rapporto che dura da oltre mezzo secolo. Dal 1969 (anno in cui il tenore madrileno debuttò nell’anfiteatro veronese come Calaf e Don Carlo), Domingo in Arena ha interpretato Des Grieux, Cavaradossi, Radamès, Turiddu, Canio, Otello, Nabucco e Germont, ha diretto Aida e Carmen, è stato nominato
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310