Archivio giornale www.gliamicidellamusica.net

Il capolavoro di Monteverdi ha inaugurato la stagione inverno-primavera 2022 del Teatro Abbado

L'Orfeo le patacche e la riflessione

intervento di Athos Tromboni

Pubblicato il 23 Gennaio 2022

20220123_Fe_00_Parliamone_LOrfeo_PierLuigiPizzi_phZani-Casadio.jpegFERRARA - Si sa che L'Orfeo di Claudio Monteverdi su libretto del poeta Alessandro Striggio andato in scena a Mantova nel 1607 è il capolavoro al quale si fa risalire la "vera" nascita del melodramma di scuola italiana. Si sa anche che il libretto (non la partitura) porta a due finali contrastanti: il primo vede Orfeo dilaniato dalla Baccanti dopo la sua aria misogina con la quale si scaglia contro tutte le donne che non siano la perduta, morta e rimorta, Euridice: di questo finale esiste testimonianza nel libretto alternativo di Striggio, ma non la musica, andata perduta.
L'altro libretto prevede invece la salvazione di Orfeo per intercessione del padre Apollo che, intervenendo in scena nel finale, invita l'aedo a salire in cielo, là dove le passioni dell'amore terreno non hanno più significato: di questa versione esiste la partitura ed è quella che viene eseguita abitualmente.
Ottavio Dantone, deus-ex-machina della blasonata Accademia Bizantina di Ravenna, per la "sua" versione non sceglie né l'uno, né l'altro finale: dopo l'ultima aria di Orfeo, quella misogina (... or l'altre donne son superbe e perfide / ver chi le adora , dispietate, instabili, / prive di senno e d'ogni pensier nobile, / ond' a ragion opra di lor non lodasi; / quindi non fia giammai che per vil femmina / Amor con aureo stral il cor trafiggami), Dantone chiude immediatamente con la moresca strumentale mentre Orfeo se ne esce di scena, privando così la rappresentazione di ambedue i finali.
Questo allestimento di Pier Luigi Pizzi, coprodotto dai teatri "Alighieri" di Ravenna e "Abbado" di Ferrara è bellissimo; e nulla vogliamo aggiungere nel merito a quanto già lodato dalla nostra corrispondente di Ravenna, Attilia Tartagni, che recensì la prima del 6 novembre 2021 (l'articolo della Tartagni lo trovate cliccando qui ): aggiungiamo solo che sono stati tutti molto bravi e rimandiamo al paragrafo finale di questo scritto le citazioni dei protagonisti confermati a Ferrara e di quelli alternativi all'allestimento ravennate.
Ma il succo di questo "Parliamone" è un altro: la filologia musicale non si perita solamente di eseguire la musica antica con strumenti d'epoca e diapason più morbido di quello ottocentesco, ma si spinge a riaprire non solo i tagli espunti da prassi esecutive sbrigative, ma a riscoprire e proporre anche parti musicali che gli stessi autori hanno scritto ma mai eseguite in scena, se non in qualche iniziale o sporadica versione delle rispettive rappresentazioni.
Possiamo citare a memoria gli ultimi casi: Riccardo Chailly alla Scala fa l'apertura di stagione il 7 dicembre 2019 con una Tosca che recupera gli otto passaggi espunti dallo stesso Puccini prima della vera prima; e ancora, il 7 dicembre 2021 dove Chailly  fa morire Macbeth in scena come nella versione 1867 del capolavoro di Verdi, epilogo modificato dallo stesso compositore bussetano dopo l'abiura del finale della citata prima versione. Oppure l' Aroldo fascista diretto da Manlio Benzi a Ravenna poche settimane fa. E ancora, di poche settimane fa, Il Farnace di Antonio Vivaldi allestito a Ferrara: sul podio Federico Maria Sardelli esegue la partitura del 1738 (quella scritta appositamente dal Prete Rosso per il teatro della città estense, incompleta e senza finale, comunque mai rappresentata in loco per il divieto del Cardinale Legato Pontificio); e Sardelli non "incolla" sulla versione 1738 quella nota del 1727, come hanno fatto e continueranno a fare altri direttori filologi che optano per un finale che non sia monco.
Questa ricerca e riproposizione filologica di ciò che fu ma non non è più, oggi è divenuta consuetudine; ed è un lavoro prezioso sia storiografico che musicologico.
Del pari e in contrappunto dissonante, le regie cosiddette "moderne" stravolgono ogni filologia drammaturgica e letteraria. Noi non siamo contro le regie "moderne"; siamo invece contro le provocazioni millantatorie, le esagerazioni effettistiche, il conformismo modernista (che poi, in quanto conformismo che contagia e si espande come una pandemia, diventa prassi neopassatista del postmoderno, e niente affatto innovativa): i più conclamati registi "rinnovatori" sono i tedeschi (e il pubblico più beotamente consenziente è proprio quello tedesco), seguiti dagli italiani, dagli angloamericani e dai francesi. Anche il nostro pubblico italiano comincia ad ingrossare le file degli spettatori "modernisti" acriticamente accoglienti e tacitamente consenzienti («... tanto, l'importante è che cantino bene...» è la rassegnata condiscendenza anche verso l'improponibile).

20220123_Fe_01_Parliamone_LOrfeo_facebook_phZani-Casadio.jpeg

E facciamo un esempio, proprio riferendoci a L'Orfeo allestito da Pier Luigi Pizzi visto ieri sera nel Teatro Abbado: tutto bellissimo, atmosfere giuste, senso del mistero del ciclo morte-resurrezione-morte pienamente rappresentato nonostante le scene spoglie, musica e cori polifonici per emozioni con la pelle accapponata, canto monodico rasente l'eccellenza, eccetera... ma Pizzi non resiste alla "tentazione" di metterci una patacca sua, modernista: all'entrata di Orfeo ed Euridice, un figurante fa le fotografie e i selfie ai novelli sposi con il telefonino (se fosse un modello iphone o un modello android il regista non ce lo svela, ahinoi!): solo questo. Una patacca realista, modernista, verista, piovuta là, nel mezzo di una magica atmosfera arcadica magnificata e pienamente espressa dalla musica di Monteverdi e dai bei movimenti di scena dei figuranti e del balletto. La bellezza guarnita con uno sputo. La mosca nera che nuota e affoga nella tazza di latte bianco. Solo questo. Poi Pizzi si "riscatta" (non accoglieremo mai la sua rivendicazione concernente la libertà d'espressione ed altre filosofie giustificatorie, perché una patacca è una patacca) e lo spettacolo diventa nel suo insieme veramente sublime.
Ecco, tutto questo per dire un concetto che ci sta a cuore: ammoderniamo pure, spostiamo i periodi storici previsti nei libretti d'opera dai tempi remoti all'attualità, vanno bene i blue-jeans al posto delle tuniche, va anche bene che gli ebrei del Nabucco siano confinati in un campo di concentramento nazifascista... però quando non c'è corrispondenza fra gesto scenico e significato semeiotico del gesto, no, non va più bene: e non si tratta solamente di violenza alle aspettative emozionali ma di più, molto di più... è la negazione di una delle molteplici funzioni del teatro: quella che "insegni" la storia e coltivi il piacere di approfondimento (non di stravolgimento) di avvenimenti che hanno connaturato nel bene e nel male il contradditorio percorso dell'umanità dal passato antico all'oggi contemporaneo.
Passando dalle riflessioni al giudizio sulle prestazioni musicali nulla da aggiungere, come detto precedentemente, a quanto espresso dalla nostra corrispondente Attilia Tartagni, se non che Giovanni Sala nel ruolo di Orfeo si è superato: ha infatti eseguito (aderendo sicuramente ad una richiesta di Ottavio Dantone, per la parte che culmina con l'incontro fa l'aedo e il traghettatore Caronte, Possente spirito e formidabil nume), l'aria di Orfeo nella versione con le difficilissime fiorettature, anziché quella consueta, piana e senza melismi. Bravo.

20220123_Fe_02_Parliamone_LOrfeo_figuranti_phZani-Casadio.jpeg

20220123_Fe_03_Parliamone_LOrfeo_MircoPalazziGiovanniSala_phZani-Casadio.jpeg

Ma bravi anche tutti gli altri componenti del cast "alternativo" ferrarese rispetto a quello ravennate: i due Pastori  Massimo Altieri e Luca Cervoni, Delphine Galou (Proserpina), Maria Luisa Zaltron (la Speranza) e Chiara Nicastro (la Ninfa). Per completezza di cronaca citiamo poi i protagonisti ravennati esibitisi anche a Ferrara: oltre a Giovanni Sala, anche Margherita Maria Sala (la Messaggera), Vittoria Magnarello (la Musica), Mirco Palazzi (Caronte), Federico Sacchi (Plutone) e la dolcissima Eleonora Pace (Euridice).
Pubblico numeroso in visibilio al termine della serata, ma lo spettacolo è stato veramente magnifico.
(La recensione si riferisce allo spettacolo di sabato 22 gennaio 2022)

Crediti fotografici: Foto Zani-Casadio per il Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara
Nella miniatura in alto: il regista Pier Luigi Pizzi
Sotto: scena dell'allestimento visto a Ferrara con Ottavio Dantone al clavicembalo e direzione
Al centro: un figurante fa le fotografie con il telefonino
In fondo: Caronte (Mirco Palazzi) incontra Orfeo (Giovanni Sala)






< Torna indietro


Parliamone
Tedesco-Cardelli-Cardelli e il Secolo Breve
intervento di Athos Tromboni FREE

20220910_Fe_00_TrioCardelli_FabiolaTedescoFERRARA - Un programma di sala intelligente. E soprattutto stimolante. Ci riferiamo al concerto finale dell’Ensemble Musik Festival organizzato nello splendido Ridotto del Teatro Comunale “Claudio Abbado” dall’Associazione Ensemble. Il trio formato dalla violinista Fabiola Tedesco e dai fratelli Giacomo (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte) ha proposto musiche di Luciano Berio (Sequenza VIII per violino solo), Salvatore Sciarrino (Notturno n.3 per pianoforte), Fabio Vacchi (Sonatina III per violoncello solo), Händel/Halvorsen  (Passacaglia in Sol minore per violino e violoncello) e Robert Schumann (Trio n.1 in Re minore op.63): come si vede, è un impaginato che affronta il misconosciuto repertorio del Novecento e il ben più frequentato repertorio romantico.
La scelta di quel programma è stata spiegata da Giacomo Cardelli al pubblico prima dell’inizio del concerto, con un breve discorso che ha testimoniato la predisposizione
...prosegui la lettura

VideoCopertina
La Euyo prende residenza a Ferrara e Roma

Non compare il video?

Hai accettato la politica dei cookies? Controlla il banner informativo in cima alla pagina!

Pagina Aperta
Risultati del 99° Arena di Verona Festival
servizio di Athos Tromboni FREE

20220923_Vr_00_ArenaVeronaOperaFestival2022-Risultati_DamianoTommasiVERONA - I risultati del 99° Arena di Verona Opera Festival 2022 sono stati comunicati ieri con illustrazione di dati e cifre che hanno testimoniato il successo della stagione estiva nell'anfiteatro romano della città scaligera. Ecco i dati salienti: 46 serate dentro un'Arena ritornata, dopo la pausa Covid, alla disponibilità della piena capienza; 342.187
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Ferrara in jazz d'autunno
servizio di Athos Tromboni FREE

20220919_Fe_00_JazzClub_HermonMehariFERRARA - il 30 settembre si apre la nuova stagione artistica del Jazz Club Ferrara al Torrione San Giovanni di Corso Porta Mare 112; la programmazione prevede attività fino alla fine di aprile 2023, ma oggi in conferenza stampa sono state rese pubbliche le serate dei primi due mesi, ottobre e novembre 2022. Tutto lo staff del
...prosegui la lettura

Eventi
La tragédie de Carmen in Umbria
redatto da Athos Tromboni FREE

20220919_Spoleto_00_StagioneLiricaRegionale2022-Carmen_CarloPalleschiSPOLETO - La nuova produzione della Tragédie de Carmen – andata in scena in anteprima nel mese di agosto 2022 a Spoleto – sarà nuovamente allestita, in occasione della Stagione Lirica Regionale 2022 dell'Umbria. Questi gli appuntamenti: Auditorium San Domenico di Foligno (mercoledì 21 settembre, ore 20.30); Teatro degli Illuminati di Città
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
EuropAuditorium stagione 2022/2023
servizio di Edoardo Farina FREE

20220915_Bo_00_StagioneTeatroEuropAuditorium2022-2023_FilippoVernassaBOLOGNA - Consueta conferenza stampa al Teatro EuropaAuditorium, ove martedì 13 settembre 2022 alla presenza di Giorgia Boldrini – Direttrice Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna, Donato Loria – CEO Bologna Congressi, Filippo Vernassa – Direttore artistico dello stesso Teatro, Giacomo Golfieri – Amministratore unico Fonoprint
...prosegui la lettura

Eventi
Torna Ferrara Musica al Ridotto
servizio di Athos Tromboni FREE

20220914_Fe_00_FerraraMusica-CartelloneConcertiRidotto_EnzoRestagnoFERRARA - L'assessore alla Cultura Marco Gulinelli, con il musicologo Enzo Restagno e il maestro Dario Favretti di Ferrara Musica hanno presentato la nuova stagione cameristica nel Ridotto del Teatro Comunale "Claudio Abbado" che si svolgerà nel prossimo autunno-inverno: domenica 25 settembre 2022 prenderà il via la seconda
...prosegui la lettura

Dvd in Redazione
Lucilla & Zsuzsana ottimo duo
FREE

20220831_Dvd_00_AlfredoDAmbrosioAlfredo d'Ambrosio (1871-1914)
"Dedicato a..."
Lucilla Rose Mariotti violino
Zsuzsana Homor  pianoforte
Produzione The Achor Pictures
Registrato nel dicembre 2021 nella reggia ungherese di Godöllö, già dimora di Sissi-Elisabetta consorte di Francesco Giuseppe
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Comico e tragico al ROF 2022
servizio di Valentina Anzani FREE

20220821_Ps_00_LeComteOry_JuanDiegoFlorezPESARO, 9-11 agosto 2022  - Conquista il nuovo allestimento di "Otello", meno convincente è stato "Le Comte Ory", mentre "La Gazzetta" fa da grazioso intermezzo. Ecco come sono andate le tre reciite cui abbiamo assistito.

Le Comte Ory ovvero una follia disorganizzata
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Le quattro colonne dell'anfiteatro
servizio di Nicola Barsanti FREE

20220809_Vr_00_Carmen_MarcoArmiliato_EnneviFotoVERONA, Arena - Diamo qui conto con un unico e ampio servizio delle recite di Carmen, La traviata, Nabucco e Aida nell'anfiteatro veronese per il Festival estivo 2022.

Carmen (21 luglio 2022)
Dopo la grande inaugurazione del 99° Arena Opera Festival
...prosegui la lettura

Personaggi
Alessandra Volpe si confida
intervista di Ramón Jacques FREE

20220730_00_Personaggi_AlessandraVolpeCon una lunga e interessante carriera che l'ha portata a calcare importanti palcoscenici di vari paesi europei come Italia, Spagna, Germania, Svizzera, Norvegia, Inghilterra, Portogallo eccetera, e in Nord America negli Stati Uniti, Canada o Messico, in ruoli diversi nel belcanto, nei ruoli verdiani e rossiniani, solista in varie opere orchestrali, e soprattuttocon la Carmen di Bizet
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: l'Ottocento e il Novecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

MARTINA FRANCA (TA) - Facciamo seguito alle precedenti recensioni già publicate su questa testata giornalistica on-line (per leggere il servizio premere qui), pubblicando la seconda parte delle nostre cronache musicali dal Festival della Valle d'Itria di Martina Franca.

20220731_ValleDItria_00_MicheleSpotti_phMarcoBorrelliVincenzo Bellini
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Sud
Tappe dell'opera: il Barocco e il Settecento
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220729_ValleDItria_00_EkaterinaProtsenko_phClarissaLapollaMARTINA FRANCA (TA), 21-27 luglio 2022 – Per la prima edizione del Festival della Valle d’Itria sotto la sua egida, il direttore artistico Sebastian F. Schwarz ha selezionato cinque titoli rari o inediti in grado di rappresentare alcune delle tappe fondamentali della storia dell’opera, dal Seicento ai giorni nostri. Questa scelta asseconda con giusto rispetto le logiche decennali di una rassegna
...prosegui la lettura

Personaggi
Anja Harteros compie cinquant'anni
servizio di Fabiana Crepaldi FREE

20220723_Personaggi_00_AnjaHarterosQuesto 23 luglio 2022, Anja Harteros, uno dei più grandi soprani dell'inizio di questo secolo, compie cinquant'anni. L'appuntamento è scandito dal silenzio della diva, sempre discreta nella sua vita personale, ma sempre sfolgorante sul palco. Figlia di padre greco e madre tedesca, Anja Harteros è nata a Bergneustadt, in Germania, nella regione di Colonia. La sua
...prosegui la lettura

Nuove Musiche
Concerto Grosso per Luis Bacalov
servizio di Athos Tromboni FREE

20220716_FE_00_ConcertoGrossoPerLuisBacalov_RosannaPavariniFERRARA - Un celebre compositore di canzoni e musica da film e due donne protagoniste del revival che lo riguarda: questo il sunto dello spettacolo musicale Concerto Grosso per Luis Bacalov che il Teatro Comunale “Claudio Abbado” ha prodotto coinvolgendo l’Orchestra Città di Ferrara (primo violino concertante e direttore Antonio Aiello) e il gruppo un po’ pop, un po’ rock
...prosegui la lettura

Eventi
Lirica danza concerti Venezia riparte
redatto da Giuliano Danieli FREE

20220714_Ve_00_StagioneLiricaESinfonica2022-2023_FortunatoOrtombinaVENEZIA - La Stagione Lirica e Balletto e la Stagione Sinfonica 2022-2023 del Teatro La Fenice sono state presentate mercoledì 13 luglio 2022 dal sovrintendente e direttore artistico Fortunato Ortombina e dal direttore generale Andrea Erri. Così il sovrintendente Ortombina: «Quattordici titoli d’opera, due di balletto e diciotto appuntamenti sinfonici
...prosegui la lettura

Operetta and Musical
Qualcosa di marcio Shakespeare!
servizio di Athos Tromboni FREE

20220710_Fe_00_QualcosaDiMarcio_RiccardoRossiniFERRARA – Trionfo di pubblico nel Teatro Comunale “Claudio Abbado” per il musical Qualcosa di Marcio (Something Rotten), libretto di Karey Kirkpatrick e John O’Farrell, musica di Wayne Kirkpatrick, in scena per la prima europea proprio sul palcoscenico di Ferrara con tre rappresentazioni: la sera di sabato 9 luglio 2022 e due repliche oggi, domenica 10 luglio (ore 16 e 21).
...prosegui la lettura

Prosa
Destinatario sconosciuto ossia la rivalsa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220707_Fe_00_FerraraOff-MariaPaiatoFERRARA - Quattro modi per scrivere lettere. Quattro appuntamenti nel cortile e nel parco della Biblioteca Ariostea di via Scienze 17. Si tratta di una rassegna teatrale ideata da Ferrara Off, con testi scelti da Giulio Costa, Monica Pavani e Margherita Mauro. In pratica è un modo (riuscito) di fare teatro affidandosi solamente a dialoghi epistolari.
...prosegui la lettura

Opera dal Centro-Nord
Don Giovanni domatore tra le fiere
servizio di Athos Tromboni FREE

20220704_Fe_00_DonGiovanni_AdrianSchvarzsteinFERRARA - Il Don Giovanni di Mozart ha debuttato al Teatro Comunale "Claudio Abbado" venerdì 1 luglio, 2022 con replica domenica 3 luglio. Entrambe le rappresentazioni hanno visto il teatro gremito fino al tutto esaurito. Il progetto partiva da lontano: affidare al maestro Leone Magiera il compito di selezionare e preparare giovani cantanti per
...prosegui la lettura

Eventi
La Filarmonica di Suvereto ha due secoli
FREE

20220704_Suvereto_00_LaFilarmonicaDiSuveretoHaDueSecoli_PeppeServilloSUVERETO (LI) - Si inaugurano sabato 9 luglio 2022 alle 21.30 nel giardino della Rocca Aldobrandesca le celebrazioni per il Bicentenario della Società Filarmonica di Suvereto, a cura dell’Ente Musicale e Culturale Filarmonica “G. Puccini”, che ne raccoglie la storia e l’identità. È, infatti, proprio dal 1823 che la Società Filarmonica lavora
...prosegui la lettura

Jazz Pop Rock Etno
Omaggio a Franco Battiato
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220704_Ra_00_OmaggioAFrancoBattiato_NicolaCisterninoRAVENNA - Al Pala De Andrè il 2 luglio 2022 si è compiuto un riuscito “Omaggio a Franco Battiato” con l’evocazione di una delle sue tante anime spese nella Musica, quella più intima e profonda dell’artista siciliano nato nel 1945 e scomparso nel 2021. Come ha dichiarato fra una canzone e l’altra il poliedrico Simone Cristicchi che se ne ritiene
...prosegui la lettura

Echi dal Territorio
Notte rosa in Certosa
servizio di Athos Tromboni FREE

20220703_Fe_00_NotteRosaInCertosa_Smith_phMarcoCaselliNirmalFERRARA - Quando si parla di Piazza San Pietro a Roma e del colonnato del Bernini si dice che quel semicerchio architettonico significhi un grande abbraccio. Anche la Certosa di Ferrara, col suo austero tempio di San Cristoforo e lo sviluppo laterale a semicerchio delle ali, può essere inteso come un grande abbraccio. In più (diciamo in più, non
...prosegui la lettura

Eventi
Prosegue con successo il Varignana Festival
FREE

20220701_00_VarignanaMusicFestival_AlexanderRomanovskyVARIGNANA (BO) - Si sono conclusi tra gli applausi dei numerosi spettatori i primi due appuntamenti dell'VIII edizione del Varignana Music Festival, andati in scena presso la Terrazza Belvedere e l'Anfiteatro sul Lago di Palazzo di Varignana il 29 e 30 giugno 2022. Protagonisti del tradizionale Grand Opening l'Orchestra e il Coro del
...prosegui la lettura

Classica
Iván Fischer bacchetta che incanta
servizio di Attilia Tartagni FREE

20220630_Ra_00_BudapestFestivalOrchestra-IvanFischer_phZani-CasadioRAVENNA -La Budapest Festival Orchestra con il concerto del 28 giugno al Pala De André ha confermato, se mai ve ne fosse bisogno, l’importanza della presenza delle grandi orchestre nella manifestazione ravennate, dando vita a un concerto di qualità e gradevolezza incentrato su due classici: la Terza Sinfonia di Johannes Brahms e la
...prosegui la lettura

Opera dal Nord-Est
Peter Grimes sbarca in laguna
servizio di Giuliano Danieli FREE

20220627_Ve_00_PeterGrimes_JuraiValcuhaVENEZIA - La Fenice è stata certamente fra le istituzioni europee più ricettive nei confronti della produzione di Benjamin Britten. Qui nel 1954 è stata data la prima assoluta di The Turn of the Screw, riproposto nei decenni seguenti per ben 4 volte; e nel settembre 1973 ancora la Fenice di Venezia ha ospitato la prima “continentale” di Death
...prosegui la lettura


Questo sito supporta PayPal per le transazioni con carte di credito.


Gli Amici della Musica giornale on-line dell'Uncalm
Via San Giacomo 15 - 44122 Ferrara (Italy)
direttore Athos Tromboni - webmaster byST
contatti: redazione@gliamicidellamusica.it - cell. +39 347 4456462
Il giornale č iscritto al ROC (Legge 249/1997) al numero 2310